13 Ragioni per cui ha spiegato il finale della stagione 3

Di Sezin Koehler/4 settembre 2019 9:39 EDT

Netflix di controverso dramma hit13 motivi per cui ha adottato un approccio diverso alla sua terza stagione. Mentre utilizzava ancora il trucco narrativo di passare dal passato al presente, l'attenzione si è spostata dal suicidio alla sopravvivenza - e tutte le complicazioni che possono derivarne.

Nella terza stagione, c'è una nuova ragazza al Liberty High, Ani Achola (Grace Saif), la cui madre Josephine Amara (Nana Mensah) è un'assistente domiciliare per il padre malato di Nora Walker (Brenda Strong). Lo stupratore seriale Bryce Walker (Justin Prentice), fresco di prigione per i crimini che tutti sapevano di aver commesso, vive con sua madre Nora dopo che suo padre Barry (Jake Weber) si trasferisce con la sua nuova ragazza. Come Hannah Baker (Katherine Langford) prima di lei, Ani è una narratrice inaffidabile che è attratta dal bravo ragazzo perpetuo Clay Jensen (Dylan Minnette) e il suo gruppo di amici in difficoltà. Ani è posizionata come addetto ai lavori simultaneo e outsider come la nuova ragazza, che usa il suo acuto senso della percezione per aiutare Clay e i suoi amici a elaborare una serie di traumi diversi e capire chi ha ucciso il ragazzo più odiato di Liberty High, Bryce Walker.



È molto da disimballare e districare, ma siamo qui per aiutarti. Ecco la fine di13 motivi per cuispiegata la terza stagione.

Cosa succede dopo lo Spring Fling in 13 motivi per cui?

Stagione due di 13 motivi per cui culmina con Montgomery 'Monty' de la Cruz (Timothy Grenaderos) e i suoi amici che violentano brutalmente Tyler Downs (Devin Druid) nel bagno dei ragazzi a scuola. Tyler è così fisicamente e psicologicamente distrutto dall'assalto che ha in programma una sparatoria a scuola per vendicarsi dei ragazzi che lo hanno ferito, così come degli altri compagni di classe che lo hanno vittima di bullismo. Clay si trova sulla linea di fuoco e calma Tyler fino a quando Tony Padilla (Christian Navarro) si presenta in una macchina di fuga. Nella terza stagione, scopriamo che Tony ha disarmato Tyler e scaricato le armi e il giubbotto suicida nel fiume. Tyler lasciò un flash drive raccontando ciò che Monty gli aveva fatto, oltre a dire ai suoi genitori che li amava.

La polizia continua a credere che la telefonata sulla sparatoria sia stata una bufala, ma Clay e i suoi amici rimangono al limite nove mesi dopo. La terza stagione rivela anche che Bryce ha visto lo scontro tra Tyler e Clay, così come Tony. Per i nove mesi dopo il tentativo di sparare di Tyler, Clay organizza i suoi amici per supportare attivamente Tyler mentre guarisce. Durante la maggior parte di quel tempo, quasi nessuno conosce l'assalto; si presume che i motivi di Tyler fossero semplicemente una punizione per essere stato vittima di bullismo.



13 motivi per cui e 1 terribile gioco di ritorno a casa

Bryce Walker lascia Liberty High e si trasferisce alla scuola privata per soli ragazzi Hillcrest, dove la sua reputazione di stupratore lo segue. Odiato nella sua nuova scuola come nella sua vecchia, Bryce provoca una nuova distruzione quando una delle sue vittime, Jessica (Alisha Boe), apprende che non gli è solo permesso di tornare in Liberty per giocare a calcio come membro del Hillcrest squadra durante il gioco del ritorno a casa, ma sua madre voleva iscriverlo nuovamente lì. Jess è ora presidente del corpo studentesco, avendo corso su una piattaforma per la cultura jock, e organizza una protesta con il suo nuovo gruppo di supporto per sopravvissuti Hands Off Our Bodies. Un gruppo di donne, guidate da Jess, interrompe il gioco del ritorno a casa spogliando e rivelando impronte di mani color sangue sulla loro carne nuda. Quando un giocatore di Hillcrest afferra Jess, lo colpisce e lo calcia, scatenando una catena di violenza per rappresaglia.

Nel frattempo, Bryce scopre che la sua ex fidanzata Chloe (Anne Winters) - che ha anche violentato e che ha mentito per lui nella seconda stagione della13 motivi per cui- non era solo incinta del suo bambino, aveva abortito senza dirglielo. Poiché l'ex compagno di squadra di Bryce Zach (Ross Butler) l'ha aiutata, Bryce usa il combattimento come scusa per affrettare Zach e schioccare il ginocchio, distruggendo efficacemente il futuro di Zach nello sport.

fratello di owen wilson

13 Ragioni per cui la stagione 3 e il mistero di chi ha ucciso Bryce Walker

Dopo il fracasso del ritorno a casa, Bryce Walker scompare - e poi il suo corpo si presenta fluttuando nel fiume. La polizia inizialmente pensa che gli abbiano sparato; poi annunciano che è stato picchiato a morte. Alla fine, rivelano che la sua morte è stata annegando.



Ogni singolo personaggio sta mentendo su dove si trovavano dopo il ritorno a casa - per molte ragioni diverse - nella notte in cui Bryce è stato ucciso, e quasi tutti hanno almeno una buona ragione per ucciderlo. 13 motivi per cui esplora ogni persona e ogni motivo in profondità. Ma a causa della signora Walker, la polizia si concentra erroneamente su Clay, che sta per finire in prigione. Quindi chi ha effettivamente ucciso Bryce?

Scopriamo che Zach lo segue fino al molo e lo picchia duramente per rappresaglia per avergli rotto un ginocchio e distrutto il suo futuro. Zach lo lascia ferito e senza telefono e alla fine confessa il suo ruolo alla polizia per aiutare Clay. Ma in realtà è Alex (Miles Heizer) che lancia Bryce nel fiume come rappresaglia per l'abuso verbale di Bryce nei confronti di Jess. Ani aiuta a creare una narrazione per attribuire la colpa a Monty, che è già morto in prigione in attesa di essere ascoltato per aver violentato Tyler. Il padre di Alex, Vice Standall (Mark Pellegrino), aiuta a nascondere il coinvolgimento di Alex.

In un inquietante cenno del capo a Hannah Baker, Bryce lascia dietro di sé una cassetta della confessione che include scuse e ammette di aver stuprato almeno nove donne, alcune delle quali più volte.



13 Ragioni per cui le rappresentazioni della stagione 3 di guarigione dall'aggressione sessuale

Terza stagione di 13 motivi per cui è dominato dai sopravvissuti e si concentra in particolare su coloro che sono sopravvissuti all'assalto sessuale. Jessica non deve più andare a scuola con il ragazzo che l'ha violentata, ma sta ancora lottando. Capisce che un modo per rivendicarsi è diventare un sostenitore di altri sopravvissuti e diventa un'attivista per porre fine alla cultura dello stupro nel campus. Usa la sua storia per consentire agli altri di condividere la propria e iniziare la guarigione. Dal suo attivismo è anche finalmente in grado di rivendicare il proprio corpo e la propria sessualità, e nel frattempo si rende conto di provare ancora sentimenti per il suo ex Justin (Brandon Flynn), nonostante sia stato il suo migliore amico a violentarla.

Tyler Downs non è così fortunato. Deve vedere la persona che l'ha assalito ogni giorno. Peggio ancora, Monty lo schernisce apertamente e minaccia persino di violentarlo di nuovo. Tyler è così traumatizzato che non userà i bagni a scuola. Alex lo incoraggia a prendere lezioni di boxe presso la palestra di Caleb (RJ Brown), che è il suo primo passo verso l'auto-bonifica - ma non prima di prendere nuovamente in considerazione il suicidio e anche minacciando di uccidere Bryce, dal momento che Monty gli disse che Bryce era stato lui a orchestrare lo stupro . Tyler alla fine racconta a Clay cosa è successo, che alla fine apre la vita di Tyler al percorso di guarigione. Finisce per usare la fotografia e l'arte come terapia che può condividere con gli altri.



cast di stranger things stagione 3

Come 13 motivi per cui la stagione 3 affronta le radici della cultura dello stupro a scuola

uno3 motivi per cuiLa terza stagione fa un ottimo lavoro non solo esplorando gli effetti personali della violenza sessuale, ma anche le profonde radici sistemiche di questo problema sociale. Quando Zach diventa capitano della squadra di calcio, decide di ripulire i giocatori, chiudendo la 'Clubhouse' nel campus, dove le ragazze aggrediscono sessualmente. Istituisce anche test antidroga obbligatori. Zach finalmente capisce il tipo pericoloso di diritto che deriva dal dare agli atleti pass gratuiti per comportamenti scorretti e vuole fare la sua parte per fermarlo.

Il gruppo di supporto ai sopravvissuti di Jessica diventa una potente forza di cambiamento a Liberty High e oltre. Dopo la loro protesta al ritorno a casa, a Jessica viene chiesto di scusarsi con la sua scuola e con Hillcrest in un'assemblea congiunta; invece, ancora una volta racconta la sua storia e nomina lo stupratore. Ispira altri studenti del pubblico a identificarsi come sopravvissuti. Tyler si alza, il che incoraggia molti altri uomini a fare lo stesso. Il ragazzo di Jessica, Justin, sta in piedi, rivelando una parte del suo passato di cui non era nemmeno a conoscenza. Includere i sopravvissuti allo stupro nella narrativa è senza dubbio una delle cose più utili 13 motivi per cui ha compiuto nel suo mandato problematico. Questo rompe un enorme tabù per i sopravvissuti maschi e si spera che aiuti i sopravvissuti nella vita reale a sentirsi più sicuri che si fanno avanti.

Come 13 motivi per cui la stagione 3 descrive il suicidio sopravvissuto

Alex sta ancora lottando fisicamente dopo il suo tentativo di suicidio nella prima stagione. Entro la fine della terza stagione, Alex lo sta prendendo in considerazione ancora una volta a causa della sua colpa per l'omicidio di Bryce. Alla fine, abbiamo la sensazione che Alex capisca finalmente che il suicidio non è la risposta - né tentare né nemmeno considerarlo come una soluzione ai suoi problemi.

Nel corso della terza stagione, Tyler tenta di suicidarsi altre due volte: prima con una pistola, poi saltando quasi da un ponte. Al suo secondo tentativo, Tyler vede il cadavere di Bryce nell'acqua e in quel momento decide di voler vivere. Mentre è certamente morboso che Tyler scatta foto del cadavere di Bryce che galleggia nell'acqua, Tyler in realtà usa quelle foto per impedirsi di pensare di tentare nuovamente il suicidio. Bryce era una persona terribile che ha distrutto dozzine di vite nel suo breve periodo sulla Terra. Ma nella sua morte, ha probabilmente finito per salvare la vita di Tyler una volta per tutte.

13 Ragioni per cui la rappresentazione della stagione 3 dell'abuso di droghe

Come nelle stagioni precedenti, l'abuso di droghe e altre sostanze è una corrente pericolosa che attraversa la terza stagione di13 motivi per cui. Dopo che Jessica ha rotto con lui, Alex inizia a prendere steroidi in modo che possa accumularsi e diventare più forte più velocemente. Ma, naturalmente, gli steroidi hanno effetti collaterali - e per Alex, uno di questi è attacchi di rabbia insieme a una serie di rischi non considerati che mettono in pericolo la sua vita.

Incontriamo anche il padre di Monty, che è un violento alcolista, spiegando potenzialmente alcuni comportamenti sociopatici di Monty a scuola. Ma il più tragico è la ricaduta di Justin con l'eroina dopo che il suo spacciatore Seth (Matthew Alan) è tornato in città e preme Justin per i soldi che deve. Justin inizia a occuparsi del suo posto di lavoro e, dopo un alterco, viene arrestato e non può chiamare i suoi genitori adottivi Jensens (Amy Hargreaves e Josh Hamilton). Bryce lo salva e paga i suoi debiti, portandogli una bottiglia di ossicodone per aiutarlo a pulire. Dopo la morte di Bryce, Justin è così sopraffatto dal dolore e dai suoi complicati sentimenti verso Bryce che ha un'altra ricaduta. Justin è cresciuto con una mamma tossicodipendente che spesso l'ha trascurato fino a quando Justin ha incontrato Bryce quando avevano otto anni. Fino ai Jensens, Bryce era l'unica famiglia di Justin. Entro la fine della terza stagione, Justin arriva pulito dalla sua famiglia adottiva e ammette di aver bisogno di un aiuto adeguato.

13 Ragioni per cui i tentativi della terza stagione di umanizzare gli uomini che commettono violenza sessuale

Dove 13 motivi per cui inciampa nella sua terza stagione è nei suoi tentativi di riabilitare le immagini dei predatori sessuali. Bryce ha un bravo ragazzo convincente che estende solo ad alcuni. Protegge sua madre e dopo che Bryce ha scoperto che suo padre aveva deportato la famiglia di Tony in Messico, Bryce compra la Mustang rossa di Tony per raddoppiare il prezzo richiesto e addirittura restituisce l'auto una volta appreso che la famiglia di Tony non può tornare in America. Alla fine Bryce ascolta il nastro di Hannah e sembra esserne cambiato. Ma alla fine della terza stagione, guardiamo il bullo di Bryce Clay e la vergogna Ani, schiacciamo il ginocchio di Zach e infuriamo Jessica quando non lo perdonerà. 'Il mondo non mi lascia cambiare!' urla, ancora una volta sottrandosi alla responsabilità delle sue azioni.

Con Monty, 13 motivi per cui ci mostra i suoi sentimenti contrastanti sulla sua sessualità repressa e sulla sua terribile vita familiare. Monty è così omofobo che non può nemmeno ammettere di amare la sua famiglia di calcio come i fratelli. 'Era un essere umano', dice Winston Williams (Deaken Bluman), agganciato di Monty, ad Ani dopo la sua morte, una dichiarazione che molti dicono anche dello stupratore Bryce dopo la sua morte.

Ma le persone che distruggono le vite attraverso aggressioni sessuali non sono riuscite a onorare l'umanità o l'autonomia corporale delle persone che hanno ferito. Commettendo questi atti, hanno probabilmente perso la propria umanità nel processo, sia vivo che morto. È facile capire perché13 motivi per cuiGli scrittori hanno cercato di presentare un quadro più sfumato, ma questi elementi della terza stagione potrebbero essere difficili da accettare per alcuni spettatori.

13 Ragioni per cui la complessa rappresentazione della famiglia nella stagione 3

Attraverso un trauma condiviso - e segreti condivisi - i personaggi sopravvissuti dentro 13 motivi per cuiLa terza stagione si riuniscono tutti alla fine in un diverso tipo di unità familiare. Justin vive con i Jensens e viene pulito dalla sua ricaduta. Alex e Jess sono legati dai loro ruoli nell'omicidio di Bryce e nella copertura, così come dal loro amore platonico. Tony sta costruendo una nuova casa con Caleb e grazie ai social media può ancora videochattare ed essere in contatto con la sua famiglia in Messico anche se non possono tornare in America.

Quando Clay è accusato dell'omicidio di Bryce, con così tante prove circostanziali in fila per metterlo in prigione, tutti gli adolescenti si uniscono per salvarlo. Sì, sono tutti legati da una rete di segreti e bugie che dovranno mantenere per il resto della loro vita. Quindi questa è una famiglia di distruzione reciprocamente assicurata? Forse per alcuni. Ma per gli altri, è un'opportunità per costruire relazioni basate sulla fiducia completa.

13 Ragioni per cui la rappresentazione della stagione 3 delle conseguenze del trauma

Nel suo cuore, 13 motivi per cui è uno spettacolo sul trauma e su come le persone lo elaborano in modo diverso. Per Hannah Baker, che non appare nella terza stagione ma la cui ombra si profila oscuramente, il suicidio è stata la sua risposta al trauma. La mamma di Hannah, Olivia (Kate Walsh), si trasferisce a New York per vivere la vita che Hannah ha pianificato in città. Il padre di Hannah Andy (Brian D'Arcy James) si risposa con una donna che ha già una bambina, nel tentativo apparente di ricreare la famiglia che ha perso.

Il precedente consigliere scolastico, il signor Porter (Derek Luke), cerca di ottenere un po 'di giustizia riparativa per il suo ruolo nel suicidio di Hannah, tentando di consigliare Bryce attraverso le sue azioni passate. Tyler impara a boxare in modo che possa sentirsi più forte e non essere nuovamente sopraffatto fisicamente. Justin ricomincia a usare droghe per attenuare il dolore. Clay evita il proprio trauma aiutando costantemente le altre persone a gestire il proprio, in particolare Tyler. La mamma di Bryce, la signora Walker, ha bisogno di un capro espiatorio per il suo dolore e usa i suoi soldi e la sua influenza per prendere di mira Clay come suo fustigatore.

La maggior parte di questi sono meccanismi di coping malsani e 13 motivi per cui incoraggia le persone a ricevere un aiuto adeguato se e quando stanno lottando.

donald glover community

13 Ragioni per cui la stagione 3 modella diversi tipi di mascolinità

Insieme al disimballaggio delle radici personali e sistemiche della cultura dello stupro, 13 motivi per cui modella anche diversi tipi di mascolinità. Bryce e Monty sono il massimo della mascolinità tossica. Bryce è uno stupratore seriale che se la cava a causa dei suoi vari privilegi. Monty bulli e stupri per paura di essere visto come debole o omosessuale. Mentre Bryce cerca di cambiare, oltre a comprendere il dolore che ha causato e fare ammenda, alla fine si rende conto che è troppo difficile e torna a scrivere. Alla fine, questa inversione è ciò che lo fa uccidere.

D'altra parte, Clay è quasi puro nutrimento della mascolinità. È sempre lì per aiutare chi è nel bisogno, anche rischiando la propria vita. Quando si arrabbia, di solito finisce per ferirsi accidentalmente. Spesso non si arrabbia con le altre persone.

Alla fine, altri maschi non tossici nell'orbita di Clay sperimentano viaggi individuali, spostando la loro mascolinità in espressioni più sane. Justin dice costantemente ai suoi amici che li ama e che non si allontana mai dall'intimità platonica come abbracci o pianti quando è nel dolore. Zach affronta il suo comportamento tossico passato e lavora per cambiare se stesso e la scuola. Tyler inizia tossico, ma alla fine della terza stagione, passa con successo da quel tipo di mascolinità a diventare un nuovo paradigma di uomo e sopravvissuto a Liberty High.

Come 13 motivi per cui la stagione 3 mostra la complicità dei genitori nella violenza dei loro figli

Ci sono così tanti livelli inquietanti da 13 motivi per cui, da suicidio, stupro, omicidio e oltre. Ma probabilmente uno degli aspetti più sconvolgenti è la complicità di alcuni genitori nell'estrema violenza dei loro figli. La mamma di Bryce sa che era uno stupratore. Le confessò e non fu neppure un po 'dispiaciuto. Era scioccata e sbalordita, ma non fece nulla per fermarlo. Durante il processo nella seconda stagione, Nora Walker aiuta suo figlio a cavarsela con i suoi numerosi crimini e Bryce continua a ferire più persone. Cerca persino di iscriverlo nuovamente a Liberty High, senza nemmeno preoccuparsi che abbia violentato così tante ragazze e che potenzialmente dovrebbero vederlo ogni giorno.

Il padre di Monty gli ha insegnato l'omofobia e la violenza a casa. Entrambe queste cose erano le cose da fare di Monty e, a causa del suo brutale attacco a Tyler, quasi uccisero un sacco di studenti innocenti. Alla fine Monty esce da suo padre durante una visita in prigione e suo padre gli sputa in faccia. Nel suo rifiuto di accettare suo figlio, crea un mostro.

I genitori di Tyler (Maria Dizzia e Tom Everett Scott) sono dolci e affettuosi, ma sono così fuori mano che non hanno idea che il figlio sia abbastanza turbato da accumulare un arsenale, fare un giubbotto suicida e progettare di sparare a una scuola di ballo . È terrificante.

13 Ragioni per cui la stagione 3 dimostra che i segreti vedono sempre la luce

Uno dei messaggi fondamentali di 13 motivi per cui è che i segreti non possono essere contenuti per sempre, e ingoiare il dolore non fa che peggiorare le cose. Il che fa sorgere la domanda: per quanto tempo Alex, Jessica e i loro amici saranno in grado di mantenere i loro segreti sull'uccisione di Bryce e sul appuntarlo su Monty? Ani ha fatto un buon lavoro nel costruire la storia della copertina e nel mettere tutti i pezzi in movimento, aiutato dal vicedirettore padre di Alex. Ma questo non affronta il senso di colpa che provano tutti naturalmente, anche se Bryce era una persona terribile che sicuramente avrebbe fatto di nuovo del male agli altri se fosse vissuto.

Inoltre, Winston, il collega di Monty, era con lui la notte in cui avrebbe ucciso Bryce. Winston tirerà il filo che toglie l'elaborato arazzo della copertura?

In alcuni degli ultimi frame di 13 motivi per cuiNella terza stagione, un pescatore trascina la scorta di pistole di Tyler che Tony ha scaricato nel fiume. Ci sono caratteristiche identificative nella borsa che mostrano che è Tyler? Il pescatore consegnerà le armi alla polizia? O qualcun altro userà quelle pistole in una sparatoria? L'epico insabbiamento di Spring Fling verrà esposto e trascinerà tutti di nuovo in quel trauma? È bene che tutti ne abbiano guarito almeno alcuni, perché all'orizzonte potrebbero esserci di nuovo grossi problemi 13 motivi per cuiLa quarta e ultima stagione.