Ogni film di James Bond si è classificato dal peggiore al migliore

Di Claire Williams/31 agosto 2017 13:33 EDT/Aggiornato: 8 luglio 2019 10:20 EDT

Da quando è apparso per la prima volta sul grande schermo nel 1962, James Bond è diventato una sensazione cinematografica mondiale. Con 24 film 'ufficiali' e tre film 'non ufficiali', il franchising può essere un po 'travolgente, specialmente se sei nuovo nella serie. Alcuni di questi film rimangono classici oggi, mentre altri ... non così tanto. Diamo un'occhiata a tutti i film di James Bond mai realizzati e classificiamoli dal peggiore al migliore.

Casino Royale (1967)

Produttore Charles Feldman acquisito i diritti per Royal Casinonel 1960, e ha cercato di stringere un accordo con Albert R. Broccoli e Harry Saltzman di Eon Productions per realizzare il film. Non furono in grado di accordarsi sui termini, tuttavia, e Feldman decise di non poter competere con i film di Eon Bond dopo aver visto gli anni 1962 Dr. No.



Di conseguenza, Feldman ha optato per una satira di un film di spionaggio con la sua Royal Casino diritti, casting l'attore comico Peter Sellers come uno dei tanti titoli (diventa complicato) e Orson Welles come Le Chiffre. Nonostante sia una parodia, Royal Casino è più sdolcinato e stimolante che divertente. Recensioni contemporanee erano durie non è invecchiato bene. Sicuramente dare a questo uno un passaggio.

A View to a Kill (1985)

Avrebbe preferito uscire con una nota forte, ma l'apparizione finale di Roger Moore nei panni di James Bond Una visione per uccidere è di gran lunga il più debole. Questo è stato anche l'ultimo film di Bond che ha caratterizzato Lois Maxwell nel ruolo di Miss Moneypenny. Moore offre un'esibizione che potrebbe essere descritta come una specie di zombi, sonnecchiando in quasi tutte le scene.

Ad essere onesti, non tutti Una visione per uccidere può essere incolpato di Moore. La trama è quasi inesistente, incentrata su un magnate della Silicon Valley (Christopher Walken) che vuole controllare il mercato dei chip per computer. Per dirla senza mezzi termini, a chi importa? Sebbene Walken e la sua scagnocca (interpretati da Grace Jones) facciano un ottimo lavoro con ciò che è stato loro dato, sono solo le loro esibizioni - e la piacevole canzone a tema di Duran Duran - che mantengono questo dal fondo della nostra lista.



L'uomo con la pistola d'oro (1974)

Mentre la seconda uscita di Sean Connery come James Bond ha avuto ancora più successo della prima, lo stesso non si può dire per il secondo tentativo di Roger Moore di Bond in L'uomo con la pistola d'oro. Nel complesso, il film si sforza troppo per essere appariscente, e quasi tutto oscura lo stesso Moore. Le scene del kung-fu sembrano di cattivo gusto e di cattivo gusto, e c'è una decisa mancanza di gadget di spionaggio tipici di Bond, sostituiti da impossibilità come macchine volanti. Il lato positivo, L'uomo con la pistola d'oro offre due dei migliori 'cattivi' della serie: Christopher Lee nei panni di Scaramanga e Hervé Villechaize nei panni del suo scagnozzo, Nick Nack.

Octopussy (1983)

Nonostante stia facendo un ottimo lavoro nel ridimensionare la meschinità del franchise in Solo per i tuoi occhi, il regista John Glen è tornato alla vecchia formula stanca per Octopussy e i film successivi che ha diretto. Di tutti i film di Roger Moore Bond, questo potrebbe essere il più geniale, il che sta dicendo abbastanza.

Dotato di rapine di gioielli, un culto e una trama di dominazione mondiale che coinvolge armi nucleari, Octopussy soffre di una sovrabbondanza di trama e una quantità schiacciante di sostanza. La maggior parte delle scene avrebbe potuto beneficiare di alcuni importanti montaggi, e ce n'erano diversi che potevano essere completamente eliminati, come quelli di Bond travestiti da clown o da gorilla. Se Glen si fosse concentrato maggiormente su buone sequenze d'azione come il combattimento in treno o la battaglia finale su un aereo, Octopussysarebbe stato un film molto migliore.



Casino Royale (1954)

Molti fan di James Bond potrebbero non rendersi conto che la prima apparizione del personaggio è stata in un adattamento televisivo. Nel 1954, Royal Casino è stato prodotto come un episodio del dramma antologico della CBS Climax! Con Barry Nelson nei panni di Bond e Peter Lorre nei panni di Le Chiffre, l'episodio è stato per lo più fedele al romanzo, con alcune modifiche. Presumibilmente per fare appello al pubblico target, Bond era un agente della CIA americana, mentre Felix Leiter era il suo contatto britannico. Inoltre, il personaggio di Valerie Mathis (Linda Christian) ha sostituito Vesper Lynd.

capitano meraviglia contro thanos

Anche se dura solo un'ora e ovviamente non ha il valore di produzione di un film, la versione del 1954 di Royal Casino vale sicuramente la pena guardarlo. Nelson fa un lavoro degno di nota come Bond, ma la prestazione straordinaria viene da Lorre come Le Chiffre. Ciò che rende l'intera produzione più impressionante è il fatto che l'episodio è stato girato completamente dal vivo.

Tomorrow Never Dies (1997)

La seconda uscita di Pierce Brosnan è seguita da James Bond Occhio d'oronon è stato in grado di ripetere l'enorme successo del suo primo round, sebbene Il domani non muore mai è stato comunque colpito al botteghino. Vale la pena lodare il film per quello che fa bene: Brosnan è di nuovo sobrio e fluido come Bond, e la sua chimica sullo schermo con Teri Hatcher risveglia ogni scena che condividono.

Jonathan Pryce presenta anche un cattivo molto più realistico del normale: un magnate dei media che tenta di iniziare una guerra per aumentare la sua quota di mercato delle notizie. Detto questo, nonostante l'esterno lucido e il nuovo arsenale di gadget, c'è ben poco nuovo terreno esplorato in Il domani non muore mai. Gioca in modo sicuro, il che è l'opposto di quello che dovrebbe fare un film di Bond.

Il mondo non è abbastanza (1999)

Occhio d'oro nonostante ciò, le uscite di Brosnan Bond sono essenzialmente le stesse in termini di qualità. Presentano tutte solide esibizioni di Brosnan e soffrono tutti della maggior parte delle stesse lamentele: sono formule e non abbastanza fantasiose.

Detto ciò, Il mondo non è abbastanza è meglio di Il domani non muore mai, principalmente a causa del cast di supporto, dell'eccellente musica del titolo di Garbage e di alcune sequenze d'azione, come i pezzi fissi nella torre e il sottomarino nucleare. Sophie Marceau nei panni di Elektra King rimane una formidabile cattiveria di Bond, e Robert Carlyle è appropriatamente minaccioso come Renard. Il rovescio della medaglia, c'è il fisico nucleare scarsamente vestito Christmas Jones - e la recitazione di Denise Richards nella parte. Un film di Bond con molti difetti, ma non uno di cui dovresti vergognarti.

Die Another Day (2002)

Per il suo ultimo periodo come James Bond, Pierce Brosnan ha dato la sua migliore interpretazione nel ruolo dal suo debutto in Occhio d'oro. Muori un altro giorno è stata anche la storia meglio concepita da allora Occhio d'oro, con una trama che per lo più aveva senso (tranne per l'improbabile laser spaziale).

Il regista Lee Tamahori è riuscito a evocare l'atmosfera dei film classici di Bond Muori un altro giornotramite immagini di ritorno al passato come il Jinx di Halle Berry che emerge dall'oceano, proprio come Ursula Andress nell'originale Dr. No. Molte delle sequenze d'azione sono anche lodevoli, tra cui la lotta tra Jinx e Miranda Frost alla fine del film. Purtroppo, Muori un altro giorno fa anche affidamento pesantemente su effetti speciali per la sua magia cinematografica, e talvolta mostra - male.

Live and Let Die (1973)

Sebbene Roger Moore avrebbe dovuto assumere il ruolo di Bond da Connery anziché George Lazenby Vivi solo due volte, guai politici in Cambogia e i precedenti impegni di Moore su Il Santo gli impedirono di farlo fino al 1973 Vivi e lascia morire. Mentre i fan di Moore e Connery non potevano certo discutere per ore su quale fosse il Bond migliore, non c'è dubbio che Moore avesse un approccio molto più leggero al personaggio.

I principali difetti del film ruotano attorno al cattivo principale poco interessante Dr. Kanaga / Mr. Big (Yaphet Kotto) e la sua trama per regalare eroina gratuita al fine di ottenere un angolo sul mercato. Nonostante ciò, è ancora una voce adeguata del franchise e Jane Seymour nel ruolo del solitario rimane una delle migliori ragazze di Bond fino ad oggi.

Quantum of Solace (2008)

Come la maggior parte dei 'secondi' film per un nuovo attore di Bond, del 2008 Quantum of Solace non era buono come Royal Casino. Questo non vuol dire che lo sia cattivoo che Craig non ha recitato bene la parte. Ma il film ha ancora alcuni difetti fondamentali: vale a dire, il cattivo Dominic Greene e la sua trama per monopolizzare le forniture di acqua dolce della Bolivia sono un po 'noiose, anche se la sua morte per olio motore è una fine soddisfacente.

Quantum of Solace è un film oscuro, con Bond in vendetta e non una battuta ironica in vista. Olga Kurylenko e Gemma Arterton erano fantastiche come ragazze Bond, e l'inferno e la lotta all'hotel nell'atto finale sono roba da incubi. Mentre è sicuramente una voce solida nel franchise di Bond, Quantum of SolaceIl problema principale era che doveva essere all'altezza Royal Casino.

Spectre (2015)

Dopo aver impostato le basi per l'identità dell'organizzazione oscura SPECTER per gli ultimi tre film, finalmente vediamo Bond faccia a faccia con il gruppo e il suo leader, Blofeld, nel 2015 Spettro. A volte, SpettroLa trama sembra un po 'inventata, come se volesse forzare una storia di origine non del tutto necessaria nella formula di James Bond, e non poteva assolutamente essere all'altezza della barra estremamente alta del suo predecessore, Caduta del cielo.

Le sequenze di azione e acrobazie sono salite a nuovi livelli senza fare affidamento su immagini generate al computer, e Monica Bellucci è deliziosa come Bond Girl (in uno splendido 50 anni, non meno!) In futuro, i registi farebbero bene a concentrarsi su quello che fanno meglio invece di creare pazzi retroscena d'infanzia per Bond e i cattivi che deve affrontare.

Moonraker (1979)

Presenta una delle trame più irrealistiche (e ricostruite) trovate in un film di James Bond. Un veicolo spaziale viene dirottato (molto simile Vivi solo due volte) al fine di rilasciare un prodotto chimico mortale in tutto il mondo (molto simile Al servizio segreto di sua maestà). Interpretato da Roger Moore nella sua quarta uscita di Bond, questo film ha segnato il punto in cui la rappresentazione di Bond di Moore è passata da semplicemente irriverente a positivamente sciocca. Detto ciò, Moonraker ha ancora molti aspetti positivi.

La campiness è allegra e il cast fa tutto un buon lavoro nel vendere la stupidità. I fan hanno applaudito al ritorno di Jaws (specialmente nella scena della funivia), ed è divertente vederlo avere una ragazza. Alla fine, nonostante le stravaganti conclusioni sullo spazio cosmico, l'epilogo romantico continuerà comunque a contenere uno dei migliori doppi sensi di Bond nella storia quando Q (Desmond Llewelleyn) commenta: 'Penso che stia tentando di rientrare!'

Diamonds Are Forever (1971)

Nonostante bestemmiando James Bond franchising dopo Vivi solo due volte, Sean Connery tornò per il 1971 I diamanti sono per sempre-che, nonostante il suo titolo, non brilla tanto quanto i suoi predecessori. Lo scenario di Las Vegas degli anni '70 sembra un po 'troppo appariscente per Bond, e il film ignora gran parte del romanzo originale, comprese le conseguenze della morte di Tracy Bond.

I diamanti sono per sempre non è affatto male: ci sono alcune scene di inseguimento che coinvolgono una Mustang rossa, e Jill St. John fa un ottimo lavoro come protagonista Tiffany Case. La resa dei conti di Bond con le guardie del corpo di Willard Whyte Bambi e Thumper è un altro momento saliente, e Shirley Bassey contribuisce con l'ennesima formidabile canzone a tema al franchise. Tuttavia, ci sono troppi difetti per considerarlo uno dei migliori film di Bond.

Solo per i tuoi occhi (1981)

Dopo l'accampamento e la vistosità di Moonraker, il nuovo regista John Glen ha realizzato un film Bond deliziosamente abbattuto con Solo per i tuoi occhi nel 1974. Si avvicina alla sensazione dei primi film di Bond e Moore offre la sua esibizione più seria e robusta. Se di solito non ti piace Moore nella parte, sarai contento della sua interpretazione, che è in gran parte libera dal suo loquace e persino sciocco James Bond.

Il ritorno a una minaccia della guerra fredda è stata una mossa intelligente, così come la decisione di nixare qualsiasi set di grandi dimensioni e eccessivamente burrascoso. Ciò che rimane è un film pieno d'azione e girato in modo intelligente che ha i suoi difetti, ma è sicuramente un film Bond divertente.

The Living Daylights (1987)

Quando un nuovo attore assume il ruolo di Bond, il nuovo volto di solito riesce a rivitalizzare il franchise, almeno temporaneamente. E così è stato quando Timothy Dalton è stato scelto per sostituire Roger Moore nel 1987 The Living Daylights. Sebbene fosse decisamente meno campy del suo predecessore, Dalton fu anche criticato per essere un po ' pure teso. Parte di ciò che aiuta a intrattenere i film di James Bond è l'arguzia sardonica ironica mostrata dallo stesso Bond. Per Dalton, questa intelligenza è notevolmente carente The Living Daylights.

Nonostante ciò, Dalton svolge un lavoro decente nella parte, ed è supportato da buone esibizioni di Maryam d'Abo e John Rhys-Davies. La trama non è stravagante come la maggior parte, incentrata sul KGB e una storia quasi sensata di defezione e contrabbando. Aggiungi alcune buone scene d'azione che coinvolgono una conduttura e un piano e The Living Daylights si riscatta come un film Bond migliore della media.

hbo marzo 2017

Never Say Never Again (1983)

Considerando che non è stato realizzato da Eon Productions, Mai dire mai ancora si è rivelato sorprendentemente bene. Uno degli scrittori originali degli anni '65 Thunderball mantenuto i diritti, che gli ha permesso di fare il suo adattamento nel 1983, diretto da Irvin Kershner (L'impero colpisce ancora.) Il titolo del film fa riferimento all'affermazione di Sean Connery secondo cui avrebbe 'mai più'gioca di nuovo Bond dopo I diamanti sono per sempre.

Anche se la storia è per lo più ripensata Thunderball, c'è qualcosa in questo film che è più divertente dell'originale. Max von Sydow offre una meravigliosa interpretazione di Blofeld, e Rowan Atkinson è nervosamente esilarante come gestore di Bond presso il Consolato britannico. È confortante vedere un Sean Connery più esperto nel ruolo che ha reso famoso, ed è chiaramente più a suo agio e si diverte di più nel suo ultimo addio al franchise di Bond.

The Spy Who Loved Me (1977)

Anche se non è un grande Bond film, Roger Moore ha iniziato a fare il suo passo come personaggio principale nel suo terzo tentativo, La spia che mi amava. Moore è più a suo agio rispetto alle sue precedenti apparizioni in Bond, e la sua chimica sullo schermo con Anya (interpretata da Barbara Bach) è innegabile. Il film si apre con una grande sequenza acrobatica e sembra che i produttori abbiano imparato uno o due scherzi dall'ultima volta che hanno fatto scatti subacquei per Thunderball.

Anche se prende il nome dal decimo romanzo di Ian Fleming, nessuna trama reale del libro è stata utilizzata. Mentre il cattivo principale e i suoi piani malvagi per il dominio del mondo sono piuttosto scialbi, La spia che mi amava ha fatto conoscere al pubblico uno dei più grandi scagnozzi di tutti i tempi di Bond: Jaws (Richard Kiel). Tutto sommato, è una buona voce nel franchise, e forse la migliore uscita di Moore come James Bond.

License to Kill (1989)

Nella seconda (e finale) interpretazione di Timothy Dalton nei panni di James Bond, i cineasti hanno optato per giocare con i suoi punti di forza, dando vita a un film Bond molto più oscuro e più violento. Mentre ci sono sicuramente alcuni momenti assurdi (come catturare un aereo con un elicottero), nel complesso, Licenza di uccidere è anche molto più sensibile della maggior parte dei film di Bond.

Quando la controparte della CIA di Bond di lunga data Felix Leiter e la sua nuova moglie vengono attaccati durante la loro luna di miele, Bond fa tutto il possibile per aiutare Leiter a rintracciare l'assassino di sua moglie, incluso dimettersi dall'MI6 e impazzire. Come tutti i buoni film di Bond, Licenza di uccidere ha molte scene d'azione divertenti. Questa volta, c'è anche una trama divertente da accompagnare.

You Only Live Twice (1967)

I fan di James Bond ottennero più di quanto si aspettassero nel 1967, quando furono pubblicati due diversi film di Bond. Mentre uno era la satira mal concepita Royal Casinol'altro era l'adattamento di Eon Productions dell'undicesimo romanzo di Fleming, Vivi solo due volte. Anche se ha una delle trame più improbabili di tutti i film di Bond - che coinvolgono un veicolo spaziale dirottato - i suoi incantesimi sostanziali sono innegabili quanto impossibili da resistere.

Albert R. Broccoli e Harry Saltzman meritano il merito non solo di girare la storia ambientata in Giappone principalmente in Giappone, ma anche di casting attori e attrici giapponesi in molti dei ruoli principali e secondari. La canzone del titolo di Nancy Sinatra rimane un classico e il film è stato magnificamente girato dal direttore della fotografia Freddie Young. Per questi motivi, è facile perdonare Vivi solo due voltela sceneggiatura errante e il nascondiglio del vulcano assurdo.

On Her Majesty's Secret Service (1969)

Dopo la sua apparizione in Vivi solo due volte, Sean Connery ha deciso di ritirarsi dal franchising. Ciò significava che Eon Productions aveva bisogno di trovare un nuovo protagonista, e hanno scelto il modello George Lazenby. Sarebbe la sua unica apparizione in un film di Bond, ma Lazenby fa un buon lavoro come protagonista, anche se è facile dire che non è abbastanza a suo agio nel ruolo. Il regista Peter Hunt ha comunque un occhio per l'azione e quelle sequenze d'azione (in particolare l'inseguimento di sci) accoppiate con il tono molto più serio di Al servizio segreto di sua maestà rendilo un custode.

Mentre Lazenby è a volte in legno con la sua consegna, la deliziosa Diana Rigg recita bene diverse scene come il suo interesse amoroso, Tracy. Il cattivo Blofeld è interpretato in modo convincente da Telly Savalas e il pugno emotivo della scena finale si aggiunge a un film Bond assolutamente divertente.

GoldenEye (1995)

Molti fan di Bond si sono chiesti se il franchise sarebbe stato in grado di reinventarsi nel 1995 per un pubblico moderno. Il film risultante—Occhio d'oro- rispose a quella domanda con un clamoroso: 'sì!' Pierce Brosnan ha assunto il ruolo di Bond e è riuscito a colpire tutte le note giuste: bello ed elegante, con una tendenza alla violenza e un senso sardonico secco come i suoi martini.

In Occhio d'oro, la storia completamente originale riesce anche a buttarla fuori dal parco dall'inizio alla fine. Coinvolgere un ex agente dell'MI6 come cattivo principale Trevelyan (Sean Bean) e scegliere un'attrice per interpretare M (Judi Dench) sono state decisioni ispirate. Le scene d'azione sono anche divertenti, anche se un po 'derivate (come la sequenza di combattimento del treno). Come molti altri film di James Bond, Occhio d'oro avrebbe potuto essere un film molto migliore se una parte dell'imbottitura e dello stucco tra i pezzi fissi fosse stata tagliata, ma in questo caso, più Bond significa più di una buona cosa.

Thunderball (1965)

Come quarto film della serie, Thunderball era perfettamente posizionato per capitalizzare sull'altezza della Guerra Fredda, con un complotto incentrato su due bombe atomiche rubate e il tentativo di Bond di recuperarle da SPETTRO. Anche se non è buono come i suoi tre predecessori, Thunderball è ancora un film Bond molto solido, con Connery che riprende il ruolo di 007 al fianco di Adolfo Celi nel ruolo del cattivo principale Emilio Largo.

Con un budget molto più elevato ($ 9 milioni), Eon Productions non ha lesinato Thunderball. Lo scenario e le sequenze d'azione rimangono alcune delle parti migliori, sontuosamente ambientate alle Bahamas con un'impressionante cinematografia subacquea impiegata ampiamente nel film. Insieme al budget inflazionato, tuttavia, venne un film leggermente gonfio; se fossero stati tagliati circa 15 minuti, avrebbe potuto essere un film molto migliore.

Skyfall (2012)

James Bond ritorna in forma in uno dei migliori film della serie, nel 2012 Caduta del cielo. Diretto da Sam Mendes (bellezza americana, La strada per la perdizione), questo film fa un salto fantastico esplorando il passato del superiore di Bond, M (Judi Dench), che torna a perseguitarla nella forma dell'ex agente dell'MI6 trasformato in terrorista Raoul Silva (Javier Bardem).

Caduta del cielo colpisce tutte le note giuste per un classico film di Bond, dai locali esotici alla trama avvincente piena di colpi di scena e sorprese reali. Questo non vuol dire che non ci sia molta azione anche: spicca una splendida scena di combattimento in un grattacielo. Sarà difficile lasciar andare Dame Judi Dench nel ruolo di M, e Mendes merita il merito di aver dato finalmente al suo personaggio qualcosa di più da fare che affidare a Bond i suoi incarichi. Anche il pubblico di visualizzazione ha adorato—Caduta del cielo incassato oltre $ 1 miliardo al botteghino globale.

Dr. No (1962)

Il primo James Bond film di Harry Saltzman e Albert R. Broccoli, Eon Productions, 1962 Dr. No rimane un classico. Anche se è stata la prima voce dell'enorme franchise cinematografico Bond, Dr. No imposta una barra alta. Tutti gli elementi dei successivi film di Bond sono stati introdotti qui: i crediti stilistici di apertura, i locali esotici, i James Bond tema, il suo slogan distintivo e un sacco di umorismo ironico.

Sono 109 minuti pieni di azione, di arguzia e pura evasione dal pubblico. Sean Connery è sobrio e naturale nel ruolo di Bond, mostrando perché si è aggrappato alla parte per sette film diversi. Solo la mancanza di un impressionante scagnozzo per il Dr. No e alcuni problemi di stimolazione impediscono a questo film di essere in cima alla nostra lista. Il James Bond formula consolidata in Dr. No, ed è stato migliorato solo nelle prossime due puntate.

Casino Royale (2006)

Doveva essere un completo riavvio del franchise di James Bond — fissato all'inizio della sua carriera di agente segreto — e del 2006 Royal Casino è stato eseguito così bene che è finito quasi in cima alla nostra lista di film di Bond. Invece di trattare Bond come una vetrina da abbinare a scene d'azione strabilianti - come era stato fatto dagli anni '60 - il team di produzione ha fatto la scelta saggia per far trasparire la personalità infestata e umana di Bond.

Nella difficile posizione di dare vita al precedente legame bidimensionale, Daniel Craig è stato scelto per assumere il ruolo principale. Mads Mikkelsen interpreta Le Chiffre in modo convincente e inquietante, quasi incanalando la parte di Peter Lorre del 1954. La performance di Craig, così come la scrittura di questo adattamento del primo romanzo di Fleming, fanno Royal Casino uno dei migliori della serie.

Dalla Russia con amore (1963)

In un'impresa rara per qualsiasi franchise cinematografico, il secondo film di James Bond è riuscito a migliorare l'originale. Tornando alla regia è stato Terence Young, la cui visione in Dr. No ha contribuito a modellare l'aspetto dell'intera serie. Al suo ritorno c'era anche Sean Connery nel ruolo di Bond. Dopo il successo di Dr. No, i cineasti sono andati alla grande per il sequel, e ha dato i suoi frutti in grande stile.

La scena di combattimento a bordo dell'Orient Express è un momento straordinario, che ispira numerose altre scene del treno nei successivi film di Bond. E Lotte Lenya è geniale come la malvagità Rosa Klebb con la sua scarpa avvelenata a coltello. Tutto è più colorato, più divertente e più pieno di azione, e oltre a numerose memorabili battute di una linea, il regista Young ha anche impiegato un sacco di gag visive divertenti. Dalla Russia con amore è un ottimo esempio di Bond al suo meglio.

Goldfinger (1964)

Sebbene il margine tra i nostri primi quattro film di Bond sia quasi sottile, Dito d'oro esce in cima. Dalla drammatica e 'scioccante' sequenza di apertura allo straordinario gadget usato da Bond e all'indimenticabile immagine dell'attrice Shirley Eaton dipinta d'oro dalla testa ai piedi, è stato un film che ha stupito il pubblico e rimane una parte importante della nostra cultura popolare.

Avresti difficoltà a trovare un scagnozzo migliore di Oddjob, e il nome della ragazza Bond 'Pussy Galore' ispira ancora una risatina oggi. Il tavolo laser e la lotta climatica in aereo sono tra le migliori scene di Bond di tutti i tempi. Dito d'oro è stato anche il primo film di Bond a includere la linea 'shakerato, non agitato' e il primo a presentare una colonna sonora dell'incomparabile Shirley Bassey, stabilendo la tradizione della canzone del titolo di apertura che continua ancora oggi. Molti altri film di Bond hanno imitato la formula perfezionata Dito d'oro, ma pochi si avvicinano.