Ogni versione di Catwoman si è classificata dal peggiore al migliore

Di Chris Sims/13 dic 2017 13:25 EDT/Aggiornato: 21 ottobre 2019 10:18 EDT

Dal debutto negli anni '40 Batman # 1, Catwoman è stato uno dei personaggi più importanti della saga di Dark Knight. È stata nemica e alleata, compagna di squadra e amante, e si sono persino sposate. Con tutta quella storia, non sorprende che sia uscita dalla pagina dei fumetti e sia passata all'azione dal vivo più di qualsiasi altro cattivo di Batman, incluso il Joker.

Ma proprio come Batman stesso, Catwoman non ha sempre avuto la migliore fortuna con quelle esibizioni. Quindi, da costumi iconici e ritratti perfetti fino a una strana fissazione sul fatto che una donna venga leccata in vita da veri e propri vicoli, ecco ogni Catwoman dal vivo classificata dal peggiore al migliore.



Halle Berry - Catwoman (2004)

Dicendo 2004 catwoman non è un film molto bello è un po 'come dire che essere preso a pugni in bocca non è un'ottima colazione. È un film che fallisce a tutti i livelli immaginabili, da una trama offensiva che mette in contrapposizione uno dei personaggi femminili più importanti della DC contro il trucco malvagio e una donna che è pazza di iniziare a sembrare vecchia, perché è quello che le donne vogliono vedere in un'eroina, giusto? —a una riprogettazione del costume che fa sembrare una delle donne più belle del mondo come se avesse perso una rissa con un distruggidocumenti.

E cosa non è il male è semplicemente incomprensibile. Anche se il pubblico fosse disposto ad accettarlo Patience Porter viene riportato in vita da un gatto CGI malamente animato—Che, se siamo onesti l'uno con l'altro, non è tanto più stupido che essere morso da un ragno radioattivo — è molto più difficile affrontare i costanti tentativi del film di renderla simile a un gatto in un senso lancinante in senso letterale. Lei sibila ai cani, ordina un piattino di panna in un bar, e pipistrelli intorno a un pallone da basket come se fosse fatto di filo prima di immergersi in Benjamin Bratt. L'unica cosa di cui il pubblico dovrebbe essere felice con questo film è che non ha iniziato a grattarsi in una lettiera, anche se ti fa meravigliare perché Sharon Stone non abbia semplicemente tirato fuori un puntatore laser per mantenere distratta Catwoman mentre attraversava con il suo piano malvagio.

E la parte peggiore? Potrebbe aver funzionato. Nonostante il Lampone d'oro seduto sulla sua mensola—che aveva il senso dell'umorismo da accettare di persona—Berry ha anche un Oscar e conosce bene come interpretare un ruolo in un film di supereroi di successo. Con del materiale migliore con cui lavorare, avrebbe potuto farcela. Invece, abbiamo avuto una sceneggiatura che aveva almeno 14 scrittori accreditati e una stella che sapeva che sarebbe stato un brutto film, il che significa che questa cosa è stata condannata fin dall'inizio.



Anne Hathaway - The Dark Knight Rises (2012)

The Dark Knight Rises potrebbe essere il film Batman più polarizzante mai realizzato. È pieno di momenti incredibilmente incredibili persino per gli standard di un franchising costruito attorno a un detective di scienze ninja che combatte il crimine vestito come Dracula, chiedendo agli spettatori di essere totalmente a bordo con cose come un uomo che si sta riprendendo da una schiena rotta mentre è intrappolato in un grande buco, o letteralmente ogni agente di polizia in una città di dieci milioni di persone anche rimanere intrappolati in un buco. Ora che ci stiamo pensando, ci sono un sacco di buchi in questo film, specialmente quelli inclusi nella trama.

Catwoman, un personaggio che a volte si sente coinvolto in una storia che include già Talia e Bane, soffre della stessa incoerenza del resto del film. Anne Hathaway apporta un'intensità davvero incredibile al ruolo e ha un bell'aspetto in un costume che funge da perfetto aggiornamento del 2012 del classico look Catwoman del 1966 di Julie Newmar. Rende persino bella la maschera, nonostante il fatto che una serie di occhiali per la visione notturna che scivolano di nuovo sulla sua testa per sembrare piccole orecchie da gattino suoni come se fosse la cosa più sciocca del mondo.

D'altra parte, tutta la sua motivazione è che vuole un programma per computer chiamato Clean Slate che dia al suo utente una ... lavagna pulita. Guarda, non è il nome più fantasioso, ma per essere onesti, questo è un universo in cui un uomo vestito da pipistrello si chiama Batman, quindi almeno è di marca. Il punto è che non è mai stato veramente spiegato il motivo per cui un maestro ladro non è in grado di ottenere un falso documento d'identità e di lasciare il paese, e come molte cose in questo film, il modo in cui riflette il desiderio di Bruce Wayne di abbandonare il suo alter ego per sempre è un po 'al naso. Per quanto Hathaway sia, una Catwoman che non vuole essere Catwoman non sarà mai la nostra preferita.



Camren Bicondova - Gotham (2014)

Ecco il punto Gotham: suo banane. Quando è stato presentato per la prima volta in origine, i produttori hanno giurato su e giù che non sarebbe stato uno spettacolo di Batman, solo uno spettacolo che è accaduto con il commissario Gordon, con Bruce Wayne come personaggio principale e aperto con Thomas e Martha che sono stati uccisi Vicolo del crimine. Tagliato a quattro stagioni dopo, e abbiamo uno spettacolo che si è trasformato in qualcosa di così selvaggio che stanno facendo storie sul Corte dei gufi, il Ordine di San Dumas, e cloni dritti, con tutti i cattivi che riescono a stipare lì.

Come puoi immaginare, Catwoman è stata al centro di quella follia fin dal primo giorno. Data la sua importanza per il mito di Batman, ha senso che vorrebbero buttarla lì dentro, anche se avere un'aspirante malvagità a tema di gatto come unica testimonianza degli omicidi di Wayne è una coincidenza di livello successivo. Allo stesso tempo, il modo in cui si è intrufolata nella storia di Bruce Wayne è davvero interessante, trovandosi alleata con diverse fazioni mentre combattono per il controllo della città, ma sempre alla ricerca di se stessa.

Alla fine della giornata, Camren Bicondova offre praticamente tutto ciò che desideri da un'adolescente Selina Kyle. È intelligente, dura, senza pentimento, e in grado di abbattere una banda di scagnozzi con alcuni acrobatici combattimenti con la frusta. Inoltre, e questo è fondamentale, mentre è stata gettata fuori da una finestra, non è stata riportata in vita con la magia del gatto. Saresti sorpreso dalla frequenza con cui si presenta.

Lee Meriwether - Batman: The Movie (1966)

Batman: il film è per lo più ricordato per la sua sciocchezza implacabile e completamente autocosciente, e per una buona ragione. Questo è, dopo tutto, il capolavoro cinematografico che ci ha regalato Batman evitando la morte con una lattina di Spray per pipistrelli repellente per gli squali, una scena di le difficoltà di sbarazzarsi di una bomba quando sei circondato da baciare coppie e cuccioli di anatre e una banda di criminali che vogliono conquistare il mondo trasformando gli ambasciatori internazionali in polvere. Con la performance di Lee Meriwether, tuttavia, il film prende una piega nel tipo di trama che non vediamo quasi mai con Batman e Catwoman e finisce con una delle migliori scene che quei due personaggi abbiano mai avuto.

A differenza della maggior parte delle storie di Batman, questa si concentra sul tentativo di eliminare Bruce Wayne. Travestito da reporter sovietico di nome Miss Kitka - un 'acronimo affascinante' che è l'abbreviazione di Kitanya Ireyna Tatanya Kerenska Alisoff - Catwoman seduce Bruce in un fervore così schiettamente assetato che inizia a citare la poesia su di lei, che è un lato di Batman che non abbiamo di solito riesco a vedere. Lo preda così abilmente che finisce per essere un punto cieco per un detective che di solito è così bravo a capire le cose che conosce Catwoman coinvolto nella trama perché è stato attaccato in mare, e ovviamente C sta per Catwoman. Quando alla fine capisce chi è, il silenzioso crepacuore che gioca sulla faccia di Batman - e il momento di vergogna e rimpianto per Catwoman - rende uno dei migliori momenti del franchise.

Vale la pena notare che mentre non è mai apparsa come Catwoman nello show, Meriwether è tornato Batman come personaggio chiamato Lisa Carson. Oltre a essere stata rapita dal re Tut perché pensava che fosse la reincarnata Cleopatra, è anche quella che ha invitato Bruce Wayne nel suo appartamento per un dessert estremamente allettante di 'latte e biscotti'.

Michelle Pfeiffer - Batman Returns (1992)

In tutta onestà, Batman Returns è un disastro. Nonostante alcuni dei migliori elementi visivi della carriera registica di Tim Burton e alcune brillanti scelte di casting che includono contrapporre Batman a Christopher Walken, la trama è così chiaramente unita da più bozze che è quasi incomprensibile. Solleva persino l'idea del Pinguino in corsa per il sindaco da un classico episodio del Batman Serie TV e Burgess Meredith non ha mai fatto di meglio di Danny DeVito. Una cosa su cui possiamo essere tutti d'accordo, tuttavia, è che la performance di Michelle Pfeiffer come Catwoman è giustamente iconica.

Con un costume incredibile progettato da Mary Vogt, La versione di Pfeiffer su Selina Kyle è sinuosa, seducente e abbastanza lontana da adattarsi perfettamente al resto del film. Piccoli momenti come saltare la corda con la sua frusta sono fantastici pezzi di carattere, e persino i punti distintivi del costume, ispirati all'idea di Burton di un gatto calico che si stacca letteralmente dalle cuciture, funzionano magnificamente come metafora del modo in cui Selina fa a pezzi la sua vita poi lo ricucisce in qualcosa di molto più inquietante.

L'unica cosa che la trattiene è, beh, il film che la circonda. La trama di Catwoman è la più semplice del film — la signora viene gettata fuori dalla finestra da Christopher Walken, viene leccata in vita dai gatti e inizia una missione di meschinità e vendetta — ma spunta anche tutte le scatole su un lista di controllo dei cliché di 'donna impazzisce' nel processo. D'altra parte, Pfeiffer ha legittimamente messo un uccello vivo in bocca durante le riprese, e questo deve contare qualcosa.

Eartha Kitt - Batman (1966)

Delle tre donne che hanno interpretato Catwoman negli anni '60, Eartha Kitt avrebbe potuto sfruttare al massimo il suo tempo sullo schermo, esibendosi in una delle esibizioni più memorabili di qualsiasi mezzo.

Kitt è probabilmente noto per essere il cantante di l'unica versione accettabile di 'Santa Baby' ma quando Julie Newmar se ne andò Batman dopo la seconda stagione, la sua voce fusa e l'incredibile presenza l'hanno resa naturale per il ruolo. Nel processo, Kitt, un'attivista di vecchia data i cui commenti che protestavano contro la guerra del Vietnam l'hanno portata a esserlo indicato come un 'ninfomane sadico' dalla CIA, è diventato l'unico attore nero ad apparire come un cattivo ospite speciale nello show.

primo episodio di South Park

Mentre potrebbe essere stato uno sforzo da parte dei produttori per evitare polemiche avendo Batman legato a una donna di colore, la performance di Kitt come Catwoman non ha lasciato traccia del romanticismo che Newmar o Meriwether hanno portato al ruolo. Invece, la sua Catwoman era senza pietà, gloriosamente malvagia, e deliziata da un piano per fare a pezzi Batgirl con una sega circolare. È esattamente il tipo di elettrizzante malizia che Hollywood è ancora riluttante a dare alle donne e regge meglio della maggior parte. Potrebbe anche essere ciò che la CIA stava guardando quando hanno escogitato quella descrizione, perché certamente sembravano prendere le loro idee dalla finzione piuttosto che dalla vita reale.

Julie Newmar - Batman (1966)

Il segreto delle esibizioni dal vivo di Catwoman è che non c'è mai stata una cattiva attrice nel ruolo, nemmeno quella di Halle Berry, solo in quella parte. Julie Newmar, tuttavia, li soffia via tutti, al punto che non è nemmeno vicino.

Come tutti i migliori cattivi diBatman '66, Newmar era ben consapevole che i cattivi erano quelli che si divertivano e la sua esibizione suona meglio di chiunque altro. Guarda la clip sopra e guarda come si spara sulla scala, si fa cadere una visone rubata sopra la testa come un cappello, e poi si insinua senza sforzo nel tipo di sensualità seducente che potrebbe tentare anche il più impavido poliziotto a rinunciare a tutto. Non è solo felina nei manierismi, è il tipo di male che ha le sue radici nella volubilità felina, spingendo una tazza dal bancone solo perché è lì.

Ma attraverso tutto ciò, c'è un nucleo nella sua interpretazione che la rende credibile, sia come un cattivo stupido che è in esso per il divertimento del male che come una persona alle prese con il suo amore per Batman. Le quasi confessioni del suo amore—Che era abbastanza forte da quasi, ma non del tutto, indurla a rinunciare al crimine — recitava meravigliosamente il crociato dalla testa diritta di West. Tutto si riunisce in una scena in cui Batman considera onestamente di scappare con lei, prima che il suo suggerimento di ricominciare uccidendo Robin metta in crisi l'idea. Quella semplice linea è la Catwoman di Newmar in breve: per quanto possa desiderare di essere brava, e per quanto Batman possa desiderare di portarla lì, sceglierà sempre il percorso più conveniente e omicida. E questo rende un grande cattivo.