Ogni versione di Lex Luthor è stata classificata dalla peggiore alla migliore

Di Chris Sims/14 dic 2017 16:28 EDT/Aggiornato: 14 dicembre 2017 22:26 EDT

Per oltre 70 anni, Lex Luthor è stato il nemico più implacabile di Superman e in quel momento ha subito molti cambiamenti. È stato un super scienziato rinnegato, un cattivo ad alta tecnologia dedicato solo al crimine, un uomo d'affari miliardario che crede che il vero potere provenga dal denaro e dal controllo e un rivale adolescente con un rancore contro la calvizie. E che ci crediate o no, tutte quelle versioni di Lex sono diventate live-action Superuomo progetti in una forma o nell'altra.

E proprio come la sua arcinemica kriptoniana, i viaggi di Lex Luthor sullo schermo non sono sempre stati grandi. Dai passi falsi ai momenti perfetti, ecco ogni versione live-action di Lex Luthor, classificata dal peggiore al migliore!



Jesse Eisenberg (Batman v Superman: Dawn of Justice, 2016)

Sulla carta, rifondere Lex Luthor per il 2016 come la (leggermente più) combinazione malvagia di Mark Zuckerberg ed Elon Musk è un'idea solida come la Lex degli anni '80 che viene riavviata come il proprietario di una grande società. È un aggiornamento interessante su una versione che ha funzionato molto prima e renderlo un Luthor più giovane, più smaldato e infinitamente più punibile è un ottimo modo per distinguerlo dai ritratti precedenti e aiutare a calciare la versione di Zack Snyder fuori dall'ombra del cinema Superman di Richard Donner . Con questo in mente, il cast di Eisnberg ha perfettamente senso - se stai facendo un Evil Mark Zuckerberg, potresti anche ottenere il ragazzo che lo ha interpretato Il social network, giusto?

In pratica, tuttavia, Batman v SupermanLex Luthor è probabilmente la peggiore interpretazione del personaggio in qualsiasi mezzo - e con il numero quasi infinito di fumetti, cartoni animati e altre storie là fuori, questo dice qualcosa. Il ritratto di Eisenberg come un legittimo omicida panico omosessuale, completo di altri personaggi intimidatori intimoriti che si sfregano caramelle dure sulla bocca e frustano allegramente Polaroid sfocate dall'altezza del cavallo a un Superman in ginocchio, sarebbero usciti un po 'oltre il top anche negli anni '70. Oltre a ciò, sta lavorando a una sceneggiatura che non riesce mai a spiegare perché Lex vuole che Superman e Batman si combattano a vicenda, ma si assicura di dedicare un sacco di tempo a concentrarsi sul perché sta costruendo gran parte del suo piano malvagio master letteralmente pisciare in un barattolo e spedendolo a qualcuno. Ci sono molti sforzi da parte di Eisenberg, ma qui non c'è proprio niente di buono.

jeff goldbloom law and order

Ci sono buone notizie, comunque. In qualsiasi altro film, questa versione di Lex sarebbe stata la cosa peggiore. In Batman v Superman, tuttavia, anche un Luthor così terribile non rompe i tre inferiori.



Kevin Spacey (Superman Returns, 2006)

Molti spettatori citano la performance di Kevin Spacey in Bryan Singer'sRitorni di Supermancome uno dei punti salienti del film. Hanno ragione, ma è anche come dire che avere un assaggio di una barretta di cioccolato sciolta è il punto culminante di infilarti una manciata di spazzatura in bocca.

Luthor di Spacey è la parte migliore del film per impostazione predefinita. In un film definito in modo così dolorosamente lento che Superman non dà mai un pugno, è l'unico che riesce davvero a fare qualsiasi cosa. A suo merito, sfrutta al massimo ciò che gli è stato dato, masticando scenari per creare uno spettacolo così memorabile che urlare 'Sbagliato!' in faccia Lois Lane divenne un meme a sé stante. Anche con questo, però, c'è solo così tanto che puoi fare.

bordo di domani

Il fatto che Singer abbia interpretato Superman era un ritorno ai film di Richard Donner degli anni '70 non era un segreto - era, in effetti, un punto di forza. Sfortunatamente, ciò significava che il Luthor di Spacey non era solo coinvolto in un piano immobiliare su larga scala, ma stava anche facendo una versione di copertina della performance di Gene Hackman. In un film migliore, quel tipo di omaggio avrebbe potuto funzionare, ma qui, è solo un promemoria costante che potresti guardare qualcosa di meglio.



Scott James Wells (Superboy, 1988)

La prima stagione delSuper ragazzoIl programma televisivo che va dal 1988 al 1992 è, per dirla caritatevolmente, non molto buono. Concentrandosi su una versione più giovane di Clark Kent, nel tentativo di aggiornarlo per cosale promozioni presentate come 'il supereroe degli anni '90'è stata una buona idea, ma il budget ridotto per gli effetti speciali non è davvero adatto a un personaggio la cui qualità più nota è la sua capacità di volare, e le storie spesso sono piuttosto basse.

Nella seconda stagione, lo spettacolo avrebbe aggiunto lo scrittore di fumetti di lunga data Cary Bates come consulente per la storia e si sarebbe imbattuto in alcune cose piuttosto memorabili, ma nella prima stagione, è inciampato piuttosto difficile cercando di capire come fare storie di Superman che avrebbero funzionato con un eroe universitario, e finito con una Lex che era più dimenticabile di ogni altra cosa. Come versione ridotta del cattivo che avrebbe dovuto diventare in seguito,Super ragazzoLex era molto lontana dalla subdola mente scientifica che gli spettatori si aspettavano, al punto in cui il suo più grande successo criminale stava tentando di sistemare una partita di basket su cui stava scommettendo.

L'unica parte davvero interessante, però, è arrivata alla fine della stagione, dove Lex è passata dal punto di rasatura senza successo all'assassinio di persone e al furto di volti nel giro di circa un giorno. Sfortunatamente, ha segnato una direzione così nuova per lo spettacolo - e ha visto sia gli attori di Lex che di Superboy, Scott James Wells e John Haymes Newton, sostituiti - che la prima stagione potrebbe non aver luogo.

Sherman Howard (Superboy, 1989)

Se non li hai mai guardati, la cosa che devi veramente capire su Seasons 2 a 4 of theSuper ragazzoLo show televisivo è che sono selvaggi. È una delle versioni più strane di Clark Kent che abbia mai colpito lo schermo, come dimostra il fatto che il pezzo più famoso è una sequenza di sogni in cui Superboy è sostituito da una nuova versione di se stesso interpretata da lottatore professionista Lex Luger- che, nonostante il suo nome simile, non deve essere confuso con l'arco-nemesi follicamente sfidata di Superboy. Ma mentre quella sequenza aveva la scusa di essere un sogno per spiegare i suoi sciocchi balzi di logica, il modo in cui lo show ha riavviato Lex è solo una vera e propria sorpresa.

Nel tentativo di combinare la versione classica di Lex, che era un amico d'infanzia di Superboy prima di diventare malvagio, con il malvagio uomo d'affari più anziano della versione moderna, ilSuper ragazzolo spettacolo ha trovato una soluzione piuttosto interessante. Alla fine della prima stagione, dopo aver improvvisamente perso i capelli in quel classico stile dell'età dell'argento, Lex ha ucciso un uomo d'affari locale e poi ha subito un intervento di chirurgia plastica per rubare la sua identità, con lo spettacolo che è passato al nuovo attore Sherman Howard per seguirlo. Sfortunatamente per Lex, il suo stratagemma fu rapidamente esposto, ma non riuscì mai a tornare al suo aspetto originale e rimase nel corpo di un uomo di 50 anni per il resto della serie.

È piuttosto bizzarro, ma ci sono alcuni aspetti positivi, tra cui il fatto che Howard ci provi solo quando ha il compito di comportarsi come un ventenne criminalmente insano intrappolato nel corpo di un uomo più anziano. Tuttavia, solleva una domanda molto importante: se Lex era così arrabbiato di perdere i capelli, perché ha scelto di apparire come un ragazzo con un'attaccatura sfuggente?

Lyle Talbot (Atom Man vs. Superman, 1950)

Data la qualità generale delSuperuomoserial degli anni '40 e '50, potrebbe essere una sorpresa scoprire che sono riusciti a fare Luthor così come hanno fatto. Dopotutto, era la prima volta che il personaggio era mai stato portato all'azione dal vivo e, nonostante alcuni passi falsi, la performance di Lyle Talbot è piuttosto grande.

Il più grande passo falso è ovvio. L ''Atom Man' del titolo è, ovviamente, Luthor, che mantiene segreta la sua identità indossando cosacritico cinematografico Matt Singeraccuratamente definito come un bollitore abbagliato con sopracciglia e che colpisce un accento che può essere meglio descritto come vagamente tedesco. Per una buona parte dei 15 capitoli del serial - che equivalgono a un'enorme durata di quattro ore, nel caso in cui stavi pensando di immergere il dito del piede in quell'acqua - Talbot ha il compito di minacciare l'Uomo d'acciaio mentre indossa una scintillante testa di mascotte robot e riesce effettivamente a riuscirci. La scena in cui fa scegliere a Lois Lane tra due leve, promettendo che uno ucciderà Superman e l'altro lo salverà, pur sapendo che entrambi sono effettivamente mortali? Questo è il classico Luthor, nel vero senso della parola.

Ciò che fa davvero funzionare il Luthor di Talbot, tuttavia, è quanto sia lungimirante a posteriori. La trama sinistra dell'uomo atomico ruota attorno a un dispositivo di teletrasporto che è essenzialmente la stessa ideaStar Trekuserebbe per il suo raggio di trasporto 16 anni dopo, e ad un certo punto, Luthor intrappola Superman in una dimensione di 'svuotamento del destino' che precede la Zona Fantasma dei fumetti. Anche il travestimento di Atom Man è lì perché Luthor si maschera da legittimo uomo d'affari, un'idea che sarebbe diventata parte del suo personaggio 37 anni dopo. Per tutte le carenze diAtom Man vs. Superman(e ce ne sono molti), il suo Luthor regge abbastanza bene.

come ho conosciuto tuo padre

John Shea (Lois & Clark: The New Adventures of Superman, 1993)

Più di ogni altra Lex Luthor live-action, la versione di Lex di John Shea di Lois & Clark ha ottenuto la pura arroganza al centro del suo personaggio. Come la sua controparte nei fumetti all'epoca, questo era un Luthor che era un criminale perché semplicemente non vedeva alcun motivo per cui le leggi fatte per uomini minori dovessero applicarsi a lui, e il cui odio consumante per Superman era radicato nell'idea che lì era una persona che non poteva mai posizionarsi al di sopra.

È spiegato esplicitamente nel primo episodio, quando la sparatoria di Superman su Lex è 'se hai mai bisogno di trovarmi, tutto ciò che devi fare è cercare.' E quando Lex ha finalmente Superman in balia di lui, non lo vuole morto - lo vuole umiliato e spezzato e si ostina a ucciderlo solo per poterlo dominare il più a lungo possibile.

Iron Man Death

Ma per tutto quello che aveva cercato per lui, Lois & ClarkLex ha avuto un percorso piuttosto strano come personaggio. Fu drammaticamente ucciso alla fine della prima stagione, trascorse la maggior parte dei secondi morti prima del suo inevitabile ritorno, e fu quindi usato con parsimonia per il resto della corsa. Nella quarta stagione, Shea è apparso solo come una voce. Tuttavia, ciò che c'era della sua Lex era roba buona.

Michael Rosenbaum (Smallville, 2001)

Smallville fu un altro tentativo di rivitalizzare Clark Kent per un pubblico più giovane mostrando come era negli anni prima che diventasse Superman, ma c'era un grosso problema: era troppo successo per il suo bene. Lo show è stato abbastanza popolare da durare per ben 10 anni, il che significa che alla fine Clark aveva fatto praticamente tutto ciò che ti aspetteresti di vedere in un programma televisivo decennale su Superman, incluso lavorare al Pianeta quotidiano, sposando Lois Lane, formando la Justice League, combattendo il giorno del giudizio, morendo e tornando in vita - tutto prima che diventasse Superman. L'unica cosa che non aveva fatto nel finale della serie era indossare il suo costume.

Dal momento che ha dovuto riempire un monumentale episodio di 217 episodi, lo spettacolo è finito cercando di avere la sua torta e mangiarla anche per quanto riguarda alcuni elementi del mito di Superman. L'esempio più estremo di questo fu un bizzarro arco in cui Jimmy Olsen fu ucciso e tramandò la macchina fotografica a suo cugino, chiamato anche Jimmy Olsen, in modo che potesse esserci ancora un Jimmy in giro per essere amico di Superman in seguito. Lex, tuttavia, ha capito male come chiunque altro. L'idea originale era che avrebbero iniziato lo spettacolo come amici e sarebbero diventati nemici entro la fine. Dal momento che nessuno si aspettava che il viaggio durasse 10 anni, Lex finì per rimbalzare avanti e indietro, essere manipolato e alla fine farsi ripulire la memoria in modo da poter finalmente servire come l'arco-nemesi di Superman - cancellando facilmente tutto lo sviluppo di quel personaggio nel processo.

Detto questo, Michael Rosenbaum ha apportato un fascino e un'intensità incredibili al ruolo durante il suo mandato nello show, ed è stato spesso la parte migliore di esso indipendentemente da dove è caduto nella classifica di allineamento tra il bene e il male. L'unico vero problema era che Lex era spesso messa in ombra da suo padre, Lionel (John Glover), il cui male deliziosamente puro, fatto roteare i baffi, lo rendeva un personaggio molto più divertente di Lex, o di chiunque altro nello show. Non sentirti troppo male per Rosenbaum, però - ha anche fornito la voce di Flash Justice League Unlimited, e si è rivelato altrettanto bravo nel recitare l'eroe come lo era nel cattivo.

Gene Hackman (Superman: The Movie, 1978)

C'è un momento dentro Superman II, quando i Phantom Zone Criminals hanno conquistato la Casa Bianca, dove Lex Luthor entra indossando il completo a tre pezzi più nitido e su misura e offre ai tre superpoteri kryptoniani l'unica cosa che non sono stati ancora in grado di ottenere: Superman . Quando gli chiedono come, dice loro direttamente: 'Come ti ho spiegato prima ... Sono il migliore che ci sia.' E non ha torto.

La rappresentazione di Luthor di Gene Hackman è piena di grandi momenti del genere. Per quanto Christopher Reeve abbia interpretato il ruolo di Superman, Luthor di Hackman gli ha dato il foglio perfetto, vendendo l'idea ridicola di un sistema immobiliare a propulsione nucleare in un modo che fece credere davvero agli spettatori che potesse essere il più grande genio criminale di tutti i tempi. Era elegante, elegante e puramente motivato dall'interesse personale - non c'era nemmeno odio nei suoi rapporti con Superman, c'era solo la consapevolezza che non sarebbe mai stato in grado di fare ciò che voleva mentre questo eroe era lì per ostacolarlo.

Un altro grande pezzo di Superman II arriva al culmine del film, quando accetta di aiutare Superman e poi lo tradisce immediatamente, solo per scoprire che Superman contava sul suo tradimento e ha vinto la giornata facendo un passo avanti. Questo è ciò che funziona di Luthor di Hackman, e lo rende un momento perfetto per il personaggio: è cattivo, ma è sempre onesto. Ma la cosa che lo rende davvero il miglior Lex live-action di tutti i tempi?

Anche Hackman è stato eccezionale Superman IV.