I più grandi colpi di scena di tutti i tempi

Di Nolan Moore/22 aprile 2019 15:10 EDT/Aggiornato: 3 giugno 2019 18:11 EDT

Sin dagli albori del cinema, i cineasti hanno cercato di farci impazzire con colpi di scena folli e finali a sorpresa. Queste scene scioccanti sono difficili da ottenere e se non si attaccano possono rovinare completamente un film (ti stiamo guardando, Spettro). Ma se sono fatti bene, possono prendere un film da 'buono' a 'leggendario'. I colpi di scena possono gettare nuova luce su tutto ciò che è accaduto prima, inviare un film in una nuova direzione e far sussultare gli spettatori per lo stupore.

Forse quel tipo mite in un angolo era davvero il grande cattivo. Forse l'eroe era morto tutto il tempo. O forse tutto ciò che abbiamo visto è l'allucinazione di qualcuno. Qualunque sia la rivelazione, questi momenti memorabili ci prendono alla sprovvista e ci lasciano parlare per gli anni a venire. Dagli alieni che viaggiano nel tempo ai diavoli che scompaiono, questi sono i più grandi colpi di scena della trama di tutti i tempi. Come probabilmente puoi immaginare dal titolo, tutto qui è uno spoiler importante.



Arrivo

Con poche eccezioni, i film sono raccontati in ordine cronologico. C'è un inizio, una metà e una fine. Ma Arrivo è smontato dal tempo, proprio come il suo protagonista, la dott.ssa Louise Banks (Amy Adams). All'inizio del film, vediamo Louise perdere la sua amata figlia per malattia. Naturalmente, supponiamo che ciò accada all'inizio della sua vita, prima che il famoso linguista venga invitato dai militari a comunicare con gli eptapodi, misteriosi alieni che sono sbarcati sulla Terra. Il suo compito è tradurre la loro complessa lingua in modo che gli umani possano parlare con questi visitatori ultraterreni.

Ma mentre approfondisce il loro alfabeto circolare, il linguaggio dell'eptapode cambia la sua prospettiva del tempo, letteralmente permettendole di sperimentare passato, presente e futuro allo stesso tempo. E come scopriremo presto, Louise in realtà non ha aveva ancora suo figlio. Quei flashback sono visioni di ciò che verrà, per gentile concessione della lingua aliena. Louise ora esiste al di fuori del tempo, o più precisamente, in ogni momento tutto in una volta. Di conseguenza, la prospettiva di Louise su concetti come l'amore è radicalmente alterata dal dono degli eptapodi. Certo, ora sa che il cuore spezzato sta arrivando, ma si dirige comunque verso il futuro, perché sa che anche lì c'è molta gioia. È forse la svolta più emozionante di tutta la fantascienza, e quella che ti lascerà a pensare e a cancellare qualche lacrima.

Una mente brillante

Una mente brillante trova un Candidato all'Oscar Russell Crowe nel ruolo di John Nash, un matematico vincitore del premio Nobel che ha vissuto una vita piuttosto insolita. All'inizio del film, Nash è stato redatto dall'agente del Dipartimento della Difesa William Parcher (Ed Harris) per analizzare riviste e giornali alla ricerca di codici russi nascosti. È un incarico intenso, ma quando non è impegnato nello spionaggio ad alto rischio, John sembra condurre una vita normale. Ha una moglie solidale (Jennifer Connelly) e un fidanzato incredibilmente vicino, Charles (Paul Bettany). E ogni volta che Charles si presenta per visitare, porta con sé la sua adorabile nipote, Marcee (Vivien Cardone), che porta sempre un sorriso sul volto di John.



Sfortunatamente, delle quattro persone più importanti nella vita di John, solo una di esse è in realtà un essere umano vivente e che respira. A quanto pare, John soffre di schizofrenia paranoica e l'incredibilmente inquietante Parcher è solo un'allucinazione. Non ci sono messaggi segreti, nessuna spia sovietica in agguato nell'ombra e nessun diodo al radio impiantato nel suo braccio (qualcosa che John impara nel modo più duro). Ma il vero colpo è che Charles e Marcee sono anche prodotti della sua immaginazione. Tutti quei ricordi di Charles e John che vanno in giro attorno a Princeton? Niente di tutto ciò è reale. E a meno che tu non conosca la vera storia - o se ne accorga uccelli non applaudibili- il colpo di scena è una sorpresa devastante e manda questo film vincitore dell'Oscar in una direzione inquietante.

Colossale

Diretto da Nacho Vigalondo, Colossale è uno dei film più stravaganti mai realizzati. Questo film fantasy trova l'alcolista Gloria (Anne Hathaway) recentemente single e sta tornando nella sua città natale. Ma quando l'ubriaco autodistruttivo presto scopre, i suoi problemi sono molto più grandi della semplice bottiglia. Gloria è legata psichicamente a un mostro simile a Godzilla e ogni volta che si imbatte in un particolare parco giochi in un momento specifico, il kaiju appare misteriosamente nella città di Seoul.

Fortunatamente, Gloria ha un buon amico per aiutare con tutte le bevande alcoliche e bestie di grandi dimensioni. È un bravo ragazzo di nome Oscar (Jason Sudeikis), e i due erano amici d'infanzia. Nel momento in cui Gloria torna in città, Oscar fa tutto il possibile per aiutarla a sentirsi a casa. Le dà mobili per la sua casa vuota, la costruisce con tutti i tipi di complimenti e le dà persino un lavoro lavorando nel suo bar (è vero, non il posto migliore dove un alcolista può lavorare).



Ma Gloria si rende presto conto che c'è un sacco di oscurità dietro il sorriso vincente di Oscar. Per uno, è anche collegato a una creatura gigante che appare nella capitale sudcoreana. E mentre finge di essere un bravo ragazzo, apprendiamo rapidamente che è un maniaco del controllo violento e manipolatore, più mostruoso di qualsiasi kaiju. E quando Gloria cerca di allontanarsi da questo brivido, minaccia di uccidere innumerevoli coreani con il suo avatar robotico. Questo passaggio dal migliore amico all'aggressore è piuttosto scioccante, in gran parte grazie all'affabile personaggio di Sudeikis ... anche se probabilmente ci sono molte donne che l'hanno visto arrivare, ben consapevoli che il mondo reale è pieno di Oscar.

Ex machina

Uno dei film di fantascienza più inquietanti mai realizzati, Ex machina trova il programmatore informale Caleb (Domhnall Gleeson) che vince il concorso di una vita. È stato scelto per trascorrere una settimana a condurre un bizzarro test di Turing con il suo capo miliardario, Nathan (Oscar Isaac). Un geniale inventore, Nathan ha creato un'intelligenza artificiale di nome Ava (Alicia Vikander) e vuole vedere se la sua creazione può convincere Caleb che è un essere senziente.

amico dell'elfo

Caleb cade rapidamente sotto l'incantesimo di Ava e presto il programmatore prevede di liberare la sua cotta dalla stretta di Nathan. Dopotutto, il magnate della tecnologia l'ha rinchiusa e ha in programma di ucciderla. Inoltre, l'interesse di Nathan per Ava non è solo scientifico: questo ragazzo ha una passione per la costruzione di robot femminili che può imprigionare e controllare. Usando il suo esperto di tecnologia, Caleb libera Ava e pochi secondi dopo, l'androide liberato attraversa Nathan come se fosse una pacca di burro caldo.

Se questo fosse il tuo tipico film di fantascienza, Ava e Caleb probabilmente scapperebbero insieme, ma dentro Ex machina, le cose prendono una svolta a sinistra quando Ava blocca Caleb e lascia il programmatore urlante a morire di fame. Suo un pugno nello stomaco, soprattutto perché Caleb sembra così comprensivo. Ma davvero, ha deciso di aiutare Ava solo quando l'avesse trovata degna dei suoi affetti, e ci sono buone probabilità che avrebbe messo a repentaglio la sua possibilità di liberare il mondo esterno. Quindi, quando si tratta di affrontare una versione 'più bella' di Nathan o di lasciare morire il tizio, beh, non c'è niente che impedisce ad Ava di ottenere finalmente la sua libertà.

Esci

Non sorprende che la famiglia Armitage sia la cattiva gente Esci. Quando Missy Armitage (Catherine Keener) e suo marito (Bradley Whitford) incontrano per la prima volta il nostro eroe di tutti gli uomini, Chris Washington (Daniel Kaluuya), sono troppo amichevoli e troppo educati. Non è mai un buon segno in un film horror. Poi c'è il loro figlio super inquietante, Jeremy (Caleb Landry Jones), che trasuda di minaccia ogni volta che viene a sbattere sullo schermo. Ma con tutti questi razzisti che circondano il povero Chris, la sua ragazza Rose Armitage (Allison Williams) sembra totalmente dalla sua parte. È rimasta bloccata da Chris quando è stato molestato da un poliziotto, quindi lo aiuterà sicuramente a sfuggire alle grinfie della sua famiglia ... giusto?

Sfortunatamente, Rose è probabilmente l'Armitage più malvagio del gruppo. Dopo aver trovato una scatola di foto incriminanti, Chris inizia a rendersi conto di essere vittima di una catastrofe davvero crudele. Ma anche dopo aver deciso di scappare, spera disperatamente che Rose sia ancora dalla sua parte quando il clan dell'Armitage blocca il suo cammino. Chiede a Rose di dargli le chiavi della macchina in modo che possa scappare, e per un momento, sembra che potrebbe scegliere il suo fidanzato per la sua carne e il suo sangue ... ma poi sorride e non dice niente.

Il casting qui è ciò che fa funzionare così bene il twist. Secondo entrambi Allison Williams e il regista Jordan Peele, Williams è stato scelto perché il pubblico l'avrebbe associata a ruoli molto meno malvagi, come Peter Pan o Marnie Michaels Ragazze. E sembra davvero abbastanza innocua, fino a quando non inizia a bere latte come un Droog e fa esplodere il suo ragazzo con un fucile.

Kill List

Fare casino con raccapriccianti culti europei non è mai una buona idea. Questa è una lezione che il nostro antieroe omicida impara duramente da Ben Wheatley Kill List. Questo inquietante film horror trova Neil Maskell nei panni di Jay, un uomo di famiglia il cui matrimonio è caduto in tempi difficili. E, oh ​​sì, si guadagna da vivere come un killer a contratto. Devi mettere il cibo sul tavolo in qualche modo, e Jay sta per fare una busta paga ordinata uccidendo tre persone per un cliente misterioso. Ma gli obiettivi non si comportano come le tipiche vittime. Invece di chiedere l'elemosina per le loro vite, in realtà ringraziano Jay quando si presenta per un po 'di tempo.

Le cose vanno da inquietanti a infernali quando Jay cerca di uccidere la sua terza vittima. Invece di trovare il suo obiettivo, si imbatte in un culto appena uscito The Wicker Man. L'intero piano di assassinio faceva parte di un elaborato rituale occulto e giunge a una fine sanguinosa quando i pagani catturano Jay, si mettono una maschera sul viso e lo costringono a combattere un gobbo ammantato. L'assassino fa un breve lavoro del suo nemico deforme, ma dopo aver trasformato questo ragazzo in uno shish kebab, Jay scopre un'orribile verità: il gobbo è in realtà sua moglie e suo figlio, rapiti dal culto e legati insieme, con suo figlio sulla schiena della moglie . Jay ha appena ucciso la sua stessa famiglia, con grande gioia del folle culto, chiudendo un film orribile con un finale davvero raccapricciante.

Stella solitaria

Sulla sua superficie,Stella solitaria è un mistero polveroso ambientato in una piccola città del Texas. Lo scheletro di uno sceriffo corrotto viene scoperto nel deserto e tutti si chiedono se il suo vice gli abbia messo un proiettile nel cervello. Ma il film funziona anche come un'esplorazione della storia degli Stati Uniti, un'analisi delle relazioni razziali americane e uno sguardo ai conflitti familiari multi-generazionali.

Ha anche un sacco di incesto.

Ok, non stiamo parlando Game of Throneslivelli di incesto, ma è molto per un film interpretato da Matthew McConaughey. Il Stella solitaria la star del Lone Star State interpreta lo sceriffo Buddy Deeds, un uomo più grande della vita che disapprova la vita amorosa di suo figlio. Il suo ragazzo, Sam, sta schiacciando duramente una ragazza di nome Pilar, ma Buddy interrompe la loro relazione prima che scenda dalla prima base. Anni dopo, dopo la morte di Buddy, Sam (Chris Cooper) e Pilar (Elizabeth Pena) sono cresciuti, ma i due scoprono presto perché Buddy era pronto a tenerli separati. A quanto pare, Buddy ha avuto una relazione con la mamma di Pilar ... quindi sì, Pilar è la sorellastra di Sam. Ma nonostante siano collegati, Sam e Pilar decidono di stare insieme. Pilar non può avere figli, quindi non ci sono preoccupazioni, e sebbene sia ovviamente una decisione controversa, il film ti lascia anche il tifo per la loro contorta storia d'amore.

Madre

Bong Joon-ho's Madre ha una trama abbastanza standard per un mistero di omicidio. Un giovane con problemi mentali (Won Bin) è accusato di aver ucciso un'adolescente. La polizia non ha prove concrete contro di lui, ma devono effettuare un arresto, quindi gettano in prigione l'uomo handicappato e lo ingannano per confessarlo. Inutile dire che la sua devota madre (Kim Hye-ja) sa che suo figlio è innocente, e passa da una vedova mite a Sherlock Holmes in Corea del Sud, inseguendo i lead, interrogando i sospetti e mettendo insieme un caso per liberare suo figlio dalla prigione. Scopre persino un possibile schema che coinvolge il ricatto e un misterioso vecchio.

Ora, nel tuo tipico mistero di omicidio, la mamma avrebbe scoperto la vera identità dell'assassino e avrebbe chiarito il nome di suo figlio. Però, Madre sovverte tutte quelle aspettative quando la mamma titolare fa una scoperta semplice ma scioccante: suo figlio l'ha fatto davvero. Sì, è un bambino dolce, e sì, è mentalmente handicappato, ma questo non gli ha impedito di cavare nella testa di una ragazza. È una piccola svolta intelligente che diventa ancora più avvincente quando la mamma uccide un testimone oculare. Madre fa girare tutti i tropici del thriller in testa, ma dimostra anche che nessuno ti ama come tua madre.

Urlare

Ogni criminale slasher ha la sua abilità speciale. Freddy Krueger può controllare i tuoi sogni. Jason Voorhees può prendere qualsiasi cosa tu faccia a modo suo e continua a venire. E poi c'è Ghostface, che ha la straordinaria capacità di apparire ovunque in un momento. Quando il killer mascherato arriva per la prima volta nella scena iniziale di Urlare- terrorizzando il povero Drew Barrymore - sembra essere in agguato dietro ogni singolo angolo. Non c'è modo in cui nessuno possa spostarsi rapidamente, ma quando la vittima dopo la vittima impara, non c'è modo di allontanarsi da Ghostface. Questo ragazzo è ovunque.

Nel grande climax del classico horror di Wes Craven, scopriamo il segreto dietro i poteri di teletrasporto di Ghostface. Ragazza finale Sidney Prescott (Neve Campbell) corre per la sua vita. L'assassino mascherato si è presentato a una festa del liceo e sta tagliando le persone a destra e sinistra. Sidney non ha idea di chi sia sotto la maschera e il film ci ha offerto molte possibilità. Ghostface potrebbe essere il fidanzato Billy (Skeet Ulrich), Weirdo Randy (Jamie Kennedy), il goofball Stu (Matthew Lillard) o persino il padre di Sidney (Lawrence Hecht). Ci sono così tanti sospettati e non sappiamo di chi fidarci.

Ed è allora che Sidney fa un'orribile scoperta - il suo ragazzo Billy è Ghostface ... e così è il suo migliore amico Stu. Questi due psicopatici stanno lavorando insieme, in stile Colombina, per un conteggio massimo delle uccisioni. E con due ragazzi che correvano con le maschere Ghostface, non c'è da meravigliarsi se questo cattivo si stava divertendo così tanto.

Il sesto senso

M. Night Shyamalan ha una filmografia davvero strana, ma non importa dove vada la sua carriera, avrà sempre una cosa su cui fare affidamento: ha fatto Il sesto senso, un grande film horror di tutti i tempi con forse la svolta più famosa nella storia del cinema.

Il film trova Bruce Willis nel ruolo del Dr. Malcolm Crowe, uno psicologo infantile pluripremiato, e nella scena iniziale, è stato colpito da un paziente disturbato che non è riuscito a salvare. Ma un paio di mesi dopo, Crowe cammina e sembra perfettamente a posto. Bene, il suo matrimonio sta andando in pezzi e sua moglie non riconoscerà la sua esistenza, quindi non è grandioso. Ma almeno ha una possibilità di redenzione aiutando Cole Sear (Haley Joel Osment), un ragazzo in difficoltà che può vedere i morti.

Tuttavia, Cole non è l'unico che può vedere gli spiriti. Gli spettatori hanno visto un ragazzo morto praticamente dall'inizio del film. Dopo aver provato così tanto a parlare con sua moglie, Crowe finalmente capisce perché non risponderà: è un fantasma. Quel colpo di pistola all'inizio del film? Sì, Crowe non ce l'ha fatta ed è un uomo morto che cammina da allora. È stato un finale che ha trasmesso onde d'urto a Hollywood, e Shyamalan ha cercato di riconquistare quella gloria da allora. Ma mentre un film o due si sono avvicinati, Il sesto senso resta comunque supremo come il perfetto colpo di scena Shyamalan.

Star Wars: The Empire Strikes Back

Tutti conoscono il colpo di scena L'impero colpisce ancora. Persino gli spettatori che non hanno mai visto un singolo Guerre stellari il film sa che Darth Vader è il padre di Luke Skywalker. La svolta ha permeato la coscienza della cultura pop e la linea 'No, sono tuo padre' è diventata una delle linee più memorabili (e citate erroneamente) di tutti i tempi.

Ma nel 1980, la rivelazione di Luke-Vader ha decisamente preso il volo Guerre stellari ventilatori. Gran parte del cast e della troupe non sapevano nemmeno la verità sull'albero genealogico di Luke. Secondo Mark Hamill, la sceneggiatura originale diceva che Obi-Wan Kenobi aveva assassinato la vecchia Anakin. È noto che solo Hamill, James Earl Jones, George Lucas e il regista Irvin Kershner erano consapevole della svolta. Quindi, quando finalmente Vader pronunciò la sua genitorialità, tutti rimasero a bocca aperta - dal pubblico agli attori stessi.

E questo momento scioccante ha fatto molto di più che suscitare rantoli. La rivelazione di Dad Vader ha inviato la serie in una direzione completamente nuova e quella linea ha gettato le basi per altre sette Guerre stellari pellicole. Qualche altra svolta del film ha avuto un impatto così enorme? Bene, come direbbe Luke Skywalker, nooooooooooooo.

Star Wars: The Last Jedi

L'ultimo Jedi è uno dei capitoli più gemelli dell'intero Guerre stellari franchising. Impariamo che i genitori di Rey non sono nobili. Big Snoke cattivo viene tagliato a metà. La principessa Leia è segretamente Mary Poppins. È una svolta dopo l'altra, ma la più grande sorpresa arriva all'inizio del film, quando Luke Skywalker rivela che i suoi giorni Jedi sono finiti.

Per impostare la scena, dobbiamo tornare molto, molto tempo fa al 2015, quando Il risveglio della forza stuzzicava il pubblico con la promessa di Luke Skywalker. Erano passati più di 30 anni da quando i fan avevano visto l'amato Jedi Knight e l'intera premessa dell'episodio VII ha coinvolto un gruppo di eroi alla ricerca del leggendario guerriero. Alla fine, alla fine del film, Rey (Daisy Ridley) trova lo Skywalker barbuto in piedi sulle scogliere di Ahch-To. Mentre la musica di John Williams inizia a gonfiarsi, Rey consegna allo Jedi la sua spada laser da tempo perduta, ed è lì che finisce il film - con Rey che raggiunge l'eroe incappucciato e silenzioso. Il pubblico ha dovuto aspettare due anni interi per vedere cosa sarebbe successo, ma ovviamente Luke avrebbe preso la spada laser e guidato la carica contro il Primo Ordine ... giusto?

Non esattamente. ComeL'ultimo Jediinizia, Luke prende la sua spada lasere lo lancia nell'oceano. Negli anni che lo abbiamo visto l'ultima volta, Luke ha voltato le spalle alla Forza e vuole che i Jedi si estinguano. Questa piccola svolta è volata di fronte alle aspettative dei fan, ma in realtà avrebbero dovuto ascoltare quando il trailer ha avvertito: 'Questo non andrà nel modo in cui pensi'.

Mi dispiace disturbarla

Se Terry Gilliam, Karl Marx, Spike Lee e Rod Serling si unissero per realizzare un film, potrebbe sembrare Mi dispiace disturbarla. Scritto e diretto da Boots Riley, questo film è assolutamente folle in tutti i modi giusti e nessuna descrizione può rendergli giustizia. È senza dubbio il film più anticapitalista che sia mai uscito da Hollywood, e presenta forse la svolta più sconvolta del 21 ° secolo finora.

La trama segue un promettente giovane telemarketer di nome Cassius 'Cash' Green (Lakeith Stanfield) che trova successo nelle vendite usando una 'voce bianca' per parlare senza problemi dei clienti. Presto, Cash viene promosso alla grande, il che implica la vendita di schiavi a compagnie giganti e, alla fine, incrocia i percorsi con uno psico miliardario (Armie Hammer) con grandi progetti per il futuro degli affari. Fino a questo punto, il film è stato incredibilmente strano - ad esempio, la rappresentazione di David Cross di Cash è perfetta - ma quando Cash scopre i piani del miliardario, è allora che il film perde la testa. A quanto pare, il miliardario sta trasformando le persone in mostri mezzo umani e mezzo cavallo in modo da poter creare una forza lavoro potente ma malleabile.

Giusto. Armie Hammer sta trasformando le persone in cavalli. E se ciò non fosse abbastanza selvaggio, il film termina con Cash che si trasforma improvvisamente in un 'equisapien' stesso. È totalmente fuori di testa, e non importa quanto sei bravo a indovinare i colpi di scena, non vedrai mai questa nottegrande In arrivo.

harrison ford nuda | * ahukewjqwvk * sotnahvrgk * lname * axuq_auoaxoecasqaw

Spider-Man: Homecoming

Dalla rivelazione del mandarino allo scatto di Thanos, l'MCU ha la sua giusta quota colpi di scena scioccanti. Ma forse arriva il momento più sbalorditivo Spider-Man: Homecoming, quando Peter Parker (Tom Holland) scopre che la sua vita amorosa sta per diventare davvero complicata.

Durante questo film di supereroi, il crawler del muro sta cercando di trovare un equilibrio tra i compiti e la lotta al crimine, uscire con gli amici e scambiare colpi con i cattivi. Non puoi davvero andare alle feste o partecipare al decathlon accademico quando hai un intero quartiere da proteggere. Il ragazzo non può nemmeno impressionare la sua cotta per il liceo, Liz (Laura Harrier), senza dover affrontare un supercattivo. È difficile ottenere un appuntamento quando cerchi costantemente di combattere il Vulture (Michael Keaton), un ladro alato che vende armi aliene ai delinquenti locali.

Alla fine, Peter mette in pausa i suoi combattimenti contro il crimine e porta Liz alla danza di ritorno a casa. Prende il vestito, impara a ballare, compra a Liz un bel corpetto e si presenta a casa sua, pronto per una serata divertente. Ed è allora che la porta si apre per rivelare lo stesso Avvoltoio. A quanto pare, questo criminale omicida è il padre di Liz. All'improvviso, Peter non è preoccupato di fare una buona impressione. È solo preoccupato di sopravvivere tutta la notte. Dopotutto, nulla rovina un appuntamento come un grande grande super-combattimento.

Noi

Due anni dopo un pubblico terrificante con Esci, Jordan Peele ha nuovamente spaventato tutti Noi, un film horror bizzarro con un finale davvero scioccante. Il film inizia nel 1986, quando una giovane Adelaide Thomas (Madison Curry) vaga in una sala di specchi e incontra il suo diabolico doppelganger. Passa avanti un paio di decenni e l'adulto Adelaide (Lupita Nyong'o) sta affrontando di nuovo il suo gemello malvagio. Solo che questa volta, il doppelganger - noto come Red - ha portato un esercito di cloni armati di forbici dalla loro tana sotterranea, con ognuno assegnato ad uccidere la loro controparte nel mondo reale.

Durante tutto il film, Adelaide e la sua famiglia riescono a battere in astuzia e sconfiggere i loro doppi, e nella sequenza climatica, il nostro eroe finalmente affronta il suo contorto doppelganger. Ma in uno straordinario flashback, ci rendiamo improvvisamente conto che potremmo fare il tifo per la persona sbagliata. A quanto pare, l'Adelaide di cui abbiamo fatto il tifo è in realtà il ghignante doppelganger della scena iniziale. È il risultato di un esperimento scientifico andato storto, e quando incontrò la vera Adelaide nella casa del divertimento, strangolò la ragazza incosciente, la trascinò giù in un mondo sotterraneo di mostri muti e poi prese il posto di Adelaide.

Quindi Adelaide è davvero Red, e Red è la vera Adelaide, e tutto questo inquietante schema è stato quello di vendicarsi per averle portato via la vita. In definitiva, il twist funziona come commento su temi come il privilegio e la natura rispetto al nutrimento, ma nel momento, tutto ciò a cui puoi davvero pensare è sollevare la mascella dal pavimento.

I soliti sospetti

La fine di I soliti sospetti è stato fatto riferimento in tutto da Key & Peele per The Unbreakable Kimmy Schmidt. È una svolta quasi più famosa del film stesso. L'intero film è narrato da Verbal Kint (Kevin Spacey), l'unico sopravvissuto di una rapina andata male. Verbal è un timido criminale che soffre di paralisi cerebrale e mentre viene interrogato dall'agente doganale Dave Kujan (Chazz Palminteri), Verbal racconta una storia di come lui e il suo equipaggio sono stati redatti dal criminale più famoso del mondo, un bogeyman sotterraneo chiamato Keyser Soze. Mentre Verbal racconta la sua folle storia, Kujan sospetta che il migliore amico di Verbal, Dean Keaton (Gabriel Byrne), fosse segretamente Soze, e che abbia tradito tutti i suoi amici durante il loro sanguinoso cappero. Convinto di aver risolto il crimine, lascia camminare Verbal e si prende un minuto per divertirsi con le sue abilità da detective.

Ed è allora che nota la bacheca. Scioccato, Kujan si rende conto che la storia di Verbal è stata una totale assurdità, e che ha raccolto la sua storia selvaggia estraendo parole chiave e dettagli dai giornali e voleva poster appesi al muro. E mentre Kujan scopre di aver lasciato libero un colpevole, vediamo Verbal Kint trasformarsi in un nuovo uomo. Il suo zoppicare scompare, la sua mano nodosa si raddrizza e inizia a camminare con la sicurezza di un truffatore che ha battuto il sistema per la milionesima volta. Questo piccolo nessuno è in realtà Keyser Soze, e poi, così, se n'è andato. Potrebbe essere il più grande trucco che un film abbia mai fatto, ed è il tipo di svolta che ti farà cadere la tazza di caffè sotto shock.