Come Joaquin Phoenix si è trasformato in Joker

Di Michileen Martin/11 settembre 2019 12:34 EDT

Come si diventa pazzi? O forse la domanda dovrebbe essere, come si diventa ilpazzo?

Il fatto stesso che a BurloneIl film esiste è la prova che questo malvagio fumetto classico è cresciuto ben oltre la sua origine come eccentrico antagonista di Batman ed è diventato un'icona culturale - l'ambasciatore di follia dalla faccia da clown. Nessun attore che interpreta il ruolo può prendere il lavoro alla leggera, e probabilmente questo è doppio per Joaquin Phoenix Burlone, perché non ha Batman contro cui quadrare. Phoenix doveva creare un personaggio avvincente che avrebbe mantenuto la nostra attenzione senza giacche piene di giocattoli letali e combattimenti nei campanili. Secondo quello che i critici hanno detto finora, ci è riuscito.



Quindi esattamente come è diventato Joaquin Phoenix Burlone? Certo, ha già interpretato personaggi malati di mente. Ma Arthur Fleck non sembra avere molto in comune con Freddie QuellIl capoo l'ossessionato imperatore romano Commodo inGladiatore. È un animale completamente diverso e, secondo le stesse parole di Phoenix, alcuni dei passi che ha preso per diventare questa versione più recente del Principe del crimine del clown di Gotham sono stati ridotti al suo benessere mentale ed emotivo. Per conoscere queste tecniche e altro, continua a leggere su come Joaquin Phoenix si è trasformato in Joker.

Joaquin Phoenix non era interessato al Joker di ieri

Nel mese di giugno,Iowan quotidianoil editorialista Austin J. Yerington ha sostenuto che la nemesi dai capelli verdi di Gotham è 'il nuovo Amleto', sottolineando non solo quanti acclamati attori gravitano sul ruolo di Burlone ma come - proprio come nel caso dei diversi ritratti di Amleto di Thespians - ogni attore mette abbastanza una svolta al personaggio da non sembrare mai lo stesso ragazzo.

Yerington non ha torto, e per questo potresti presumere che la prima cosa nella lista delle cose da fare di Joaquin Phoenix - o quella di qualsiasi attore incaricato di interpretare il Joker - fosse studiare tutti quei famosi ritratti di Joker. Jared Leto inSquadra suicida, Heath Ledger dentroIl Cavaliere Oscuro, Jack Nicholson inBatmane fino a Cesar Romero negli anni '60Batmanserie. Potrebbe anche desiderare qualche abbuffata diGothame di breve durataBirds of Preyserie, o per tenere un orecchio aperto per i molti doppiatori che hanno interpretato il Joker; più famoso Mark Hamill.



Ma secondo Phoenix, questa era l'ultima cosa che voleva fare.

'Per me l'attrazione da fare (Burlone) e questo personaggio era che ci saremmo avvicinati a modo nostro ', Disse Phoenix al Festival del cinema di Venezia. 'Quindi per me non ho fatto riferimento a interpretazioni passate del personaggio.'

È una strategia audace - e da quello che dicono i critici, ha dato i suoi frutti.



La Joaquin Phoenix che ride

Probabilmente, Phoenix non lo è completamenteaccurato quando dice di non aver studiato nessuna precedente incarnazione cinematografica del Joker. Al Festival del cinema di Venezia 2019,Burloneil regista Todd Phillips ha detto uno dei film ha trovato particolarmente importante nella sua preparazione per il ruolo di Arthur Fleck è stato il film muto del 1928L'uomo che ride. Basato sull'omonimo romanzo di Victor Hugo,L'uomo che rideinterpreta Conrad Veidt nel ruolo di Gwynplaine, un'attrazione da baraccone che è stata sfigurata con un sorriso permanente sin dalla nascita.

L'uomo che rideviene spesso citato come fonte d'ispirazione per il Joker, presentato per la prima volta negli anni '40Batman # 1. DC Comics ha reso omaggio a quella prima ispirazione con il suo cattivo il Batman che ride, una versione alternativa dell'universo di Bruce Wayne che soccombe alla follia del Joker. Grant Morrison - che ha scritto Batman per sette anni e, tra le altre cose, ha introdotto il mitico figlio di Batman Damian Wayne, ovvero l'attuale Robin, nel mito - ha definito la creazione di Joker un 'passaggio diretto' daL'uomo che ridenel suo libro del 2011Supergods. Va così lontano da dire che è una meraviglia di come i creatori di Joker 'se ne siano andati'.

Quindi, in un certo senso, anche se i Joker di Heath Ledger o Jack Nicholson non sono stati considerati nella creazione di Arthur Fleck, si potrebbe sostenere che Philips e Phoenix abbiano studiatoogniJoker saltandoli tutti e andando direttamente alla fonte.

Joaquin Phoenix è diventato 'pazzo' a perdere peso per giocare a Joker

Burloneil regista Todd Philips è stato chiaro che non vuole che nessuno entriBurlonepensando che vedranno l'adattamento di un fumetto particolare, o che dovrebbero aspettarsi molta ispirazione dai fumetti. Ironia della sorte, c'è almeno un modo in cui il personaggio di Arthur Fleck rispecchia il Joker dei fumetti forse più da vicino di qualsiasi adattamento cinematografico che abbiamo visto finora. Il Joker è quasi sempre raffigurato come molto magro nei fumetti, a volte impossibile. Secondo Phoenix, la prima cosa che ha fatto per prepararsi Burlone è stato quello di perdere peso così rapidamente che ha fatto casino con la sua salute mentale.

'La prima cosa per noi è stata la perdita di peso - penso che sia davvero quello con cui ho iniziato,' Disse Phoenix al Festival del cinema di Venezia. Opportunamente, la perdita di peso non ha solo fatto sembrare Phoenix più simile al Joker, ma potrebbe averlo fatto pensare anche a lui. '(A) s si scopre, che influenza la tua psicologia', ha detto Phoenix. 'Inizi a diventare pazzo quando perdi quella quantità di peso in quel lasso di tempo.'

Joaquin Phoenix ha studiato gli anni '70 per 'Joker'

Mentre L'uomo che rideuscì nel 1928, altri film influenzaronoBurloneproveniva da un'era molto diversa, in particolare dagli anni '70 e primi anni '80.

attrice di Iron Man

Probabilmente non è una sorpresa. Appena il primo Burlone trailer è stato rilasciato, fan e critici ho visto le somiglianze a film specifici degli anni '70, in particolare quelli diretti dall'acclamato regista Martin Scorsese, originariamente assegnato come produttore esecutivo diBurlonema ho dovuto inchinarmi a causa di impegni contrastanti. Phillips ha nominato alcune delle sue principali ispirazioni nel 1976Tassista1982 diRe della commedia, entrambi star Robert De Niro.Re della commedia, piace Burlone, segue un fumetto in piedi fallito e mentalmente malato, interpretato da De Niro.

Phillips menzionò anche il 1973Serpico e del 1975Qualcuno volò sul nido del cuculo. L'ultimoè forse il più adatto del gruppo, non solo perché si svolge in un'istituzione mentale, ma perché è uno dei punti di riferimento nella carriera di uno dei film più memorabili Jokers - Jack Nicholson. Quindi di nuovo, mentre Phoenix non ha studiato altre mosse Jolly, in un certo senso potrebbe averlo fatto indirettamente.

Joaquin Phoenix ha studiato gli assassini dei re per 'Joker'

I film non erano gli unici media che Joaquin Phoenix ha studiato per diventare il Joker. Al Festival del cinema di Venezia del 2019, ha menzionato la lettura di un libro che ha spezzato i tipi di personalità degli assassini politici. Non sappiamo esattamente quali libri abbia letto perché non offriva dettagli specifici, anche se un probabile candidato potrebbe essere il libro di James W. Clarke del 1990Essere pazzi o semplicemente arrabbiati, che tra l'altro guarda al tentativo di assassinio di John Hinckley del 1981 contro il presidente Ronald Reagan.

Indipendentemente da ciò che Phoenix ha letto, l'argomento dice in termini di allontanamento dalle precedenti incarnazioni del Joker. Mentre il Joker dei fumetti e altri film avrebbe probabilmente pochi scrupoli nell'uccidere politici - il Joker di Heath Ledger cerca e non riesce ad assassinare il sindaco di Gotham inIl Cavaliere Oscuro - non è qualcosa su cui si concentra principalmente.

Parla anche di quanto fortemente influenzeranno i film citati da PhillipsBurlone. L'assassinio politico è molto nella mente di Travis Bickle negli anni 1976Tassista. E i primi anni '80 ambientanoBurlonelo colloca proprio nel periodo in cui la stessa malattia mentale di Hinckley lo ha spinto a tentare di uccidere il presidente Reagan.

dom veloce e furioso

Il diario di Arthur Fleck

Se vuoi scoprire qualcuno, potresti provare a leggere il loro diario. Invece di dare una sbirciatina a un diario, quando Joaquin Phoenix voleva entrare nella mente di Arthur Fleck, scrisse il diario di Fleck per lui.

Al Festival del cinema di Venezia 2019,Phoenix ha parlato di come scrivere il diario di Fleck lo ha aiutato a iniziare a formare i personaggi. Ha detto ai giornalisti che Todd Phillips gli ha inviato un quaderno vuoto per fungere da 'diario e diario degli scherzi' di Fleck.

'Il cappello a T è stato davvero utile', ha detto Phoenix, 'perché ero stato lì per un paio di settimane e non ero sicuro di come avrei iniziato'. A quanto pare l'attore all'inizio era un po 'ostacolato. 'Non sapevo cosa scrivere, quindi ho chiesto (Phillips) alcuni suggerimenti, e dopo alcuni giorni ho ignorato i suoi suggerimenti e all'improvviso stava uscendo. È diventato una parte molto importante della scoperta del personaggio. '

Presumibilmente, abbiamo già visto alcuni di quella fonte di scoperta. Nel primo Burlonetrailer, uno scatto mostra Fleck mentre rivede un quaderno rilegato a spirale. Dice 'JOKES' nella parte superiore della pagina, anche se verso il basso la calligrafia diventa più grande e più folle, suggerendo alla fine è la malattia mentale di Fleck che stiamo vedendo emergere più della sua creatività.

Nulla è stato messo in pietra per 'Joker'

Parlando di come ha gestito il processo di ripresa, Joaquin Phoenix ha chiarito che non avrebbe mai voluto finire di conoscere Arthur Fleck. Al Festival del cinema di Venezia 2019,ha detto che non voleva Fleck per essere semplicemente visto come un esempio di un disturbo psicologico facilmente riconoscibile. 'Non volevo che uno psicologo fosse in grado di identificare il tipo di persona che era ... (I) volevo che lì rimanesse un mistero sul personaggio.'

Così presto, Phoenix decise che non avrebbe mai voluto del tutto definire la sua versione di Joker - per escogitare un profilo di personalità che dettasse definitivamente come Arthur Fleck avrebbe agito in diverse situazioni. Parlando della produzione, ha affermato di credere che ci fosse riuscito. Phoenix ha dichiarato alla stampa a Venezia che 'Durante tutto il corso delle riprese, ogni giorno stavamo scoprendo nuovi aspetti del suo personaggio e delle sfumature della sua personalità fino all'ultimo giorno'.

Joaquin Phoenix non ha ascoltato nessuno mentre creava il suo Joker

Seguendo le parole di Joaquin Phoenix sull'argomento Burloneda quando è stato scelto per il ruolo nel 2018, almeno un tema comune sul suo processo diventa chiaro: non gli importa del tuo feedback.

Come accennato in precedenza per quanto riguarda il diario di Arthur Fleck e il diario degli scherzi, anche quando Phoenix ha specificamente chiesto un feedback, lo ha respinto. A proposito di iniziare sul diario, Disse Phoenix inizialmente ha chiesto suggerimenti a Todd Phillips e poi 'dopo alcuni giorni' ha ignorato il feedback del regista e 'improvvisamente (la sceneggiatura) stava uscendo'.

Il suo impegno a non dare peso alle opinioni esterne va oltreBurlonecast e troupe. Alla domanda nel 2018 sulla reazione dei fan a Burlone, era chiaro sui suoi sentimenti. 'Non me ne può fregare di meno', ha detto Phoenix. 'Non penso molto a ciò che pensa la gente. A chi importa, a chi importa? Il mio approccio ad ogni film è lo stesso. Quello che mi interessa è il regista e l'idea del personaggio '.

Innanzitutto, Joaquin Phoenix ha creato la risata di Joker

Joaquin Phoenix dice pensa che una delle cose che fanno della sua interpretazione del Joker 'un modo nuovo e nuovo' di avvicinarsi al personaggio è l'idea che il Joker sia una persona che già esiste in Arthur Fleck 'cercando di emergere'. L'attore ha affermato che una delle prime cose che ha affrontato è stata la famigerata risata del pazzo. Ne sentiamo un po 'nel primoBurloneocchiolino e ottenere un po 'di più in trailer finale. Secondo Phoenix, la risata non è stata facile da inchiodare.

'Prima ancora di leggere la sceneggiatura, Todd è venuto e mi ha spiegato cosa voleva da questo personaggio e da questo film ... e ha descritto le risate come qualcosa di quasi doloroso', ha detto Phoenix alla stampa a Venezia. '(H) onestamente, non pensavo di poterlo fare. Mi esercitavo da solo e poi chiedevo a Todd di venire ad ascoltare la mia risata, perché mi sentivo come se dovessi farlo sul posto e di fronte a qualcun altro. Mi ci è voluto molto tempo.

La revisione del trailer finale con le parole di Phoenix in mente è interessante. Durante il suo confronto con Thomas Wayne, puoi sentire di cosa parla Phoenix, per quanto le risate siano 'quasi dolorose'. In precedenza, quando lui ride ad alta voce e si interrompe bruscamente, è facile immaginare che questo sia un riflesso di ciò che Phoenix intende quando parla delle risate dimostrando che Joker è qualcosa che 'cerca di emergere' da Fleck.