I più bizzarri simbioti nell'universo Marvel

Di Ziah Grace/20 febbraio 2018 10:51 EDT/Aggiornato: 20 febbraio 2018 11:39 EDT

Il simbionte alieno, che alla fine divenne noto come Venom, è stato un pilastro della galleria dei ladri di Spider-Man sin dalla sua introduzione nel Guerre segrete fumetto crossover (esilarantechiamato così semplicemente perché'segreti' e 'guerre' sono due cose che i bambini amano di più!). Il simbionte era originariamente proprio come un abito alieno indossato da Peter Parker dopo che il suo costume originale di Spider-Man fu distrutto. Spidey si è sbarazzato della tuta quando ha iniziato a renderlo mentalmente instabile quando si è unito a lui, e presto si è innestato sul collega fotogiornale del Daily Bugle Eddie Brock, che è come abbiamo ottenuto un po 'di cattivo, a volte anti-eroe Venom! Da allora, il simbionte, e molte sue derivazioni, si sono innestati in un'ampia varietà dei migliori universi Marvel. Alcune di queste combo sono state fantastiche, altre lo sono state di meno e altre sono state decisamente bizzarre. Ecco i nostri bizzarri simbioti preferiti nell'universo Marvel.

programmi televisivi sui viaggi nel tempo

Venom 2099 (Kron Stone)

Uno dei principali appelli di Venom è quanto la sua origine rispecchi Peter Parker, ma Eddie Brock ebbe meno successo della sua controparte più eroica. Brock sentiva di essere sempre il secondo migliore per Peter; come Venom, non è nemmeno il secondo miglior eroe a tema ragno a New York e non può nemmeno gestire un record di vittorie consistente come cattivo. Più forte, più vizioso e con un retroscena che rispecchia quello di Spidey, Venom è pensato per essere come uno specchio contorto riflesso delle peggiori qualità di Peter Parker. Nel 2099, tuttavia, il sottotesto è illegale. O almeno questa è l'unica ragione per cui possiamo pensare al motivo per cui Venom 2099 è letteralmente Il fratello maggiore malvagio di Spider-Man 2099.



Nell'impronta del 2099, la Marvel ha portato tutti i suoi eroi e cattivi in ​​un futuro cyberpunk. In Spider-Man 2099, l'idea era che Miguel O'Hara fosse uno scienziato incaricato di provare a innestare i poteri di Spider-Man su soggetti umani. Come avrai intuito, alla fine ottenne i poteri del ragno e divenne l'Uomo Ragno del 2099, completo di un nuovo elegante costume, artigli e zanne. La maggior parte dei classici cattivi di Spider-Man è stata reinventata per il 2099, di solito con più parti del corpo o tecnologia cyborg.

Nel caso di Venom del 2099, era la combinazione del simbiote originale di Venom - apparentemente dormiente in una fogna per decenni - e Kron Stone, il soprannominato fratellastro malvagio di Miguel, che era caduto nella fogna dopo essere stato quasi ucciso da Punitore 2099. Mentre la continuità potrebbe essere stata complessa, Venom 2099 certamente non lo era; era sostanzialmente lo stesso Venom dell'iterazione dei giorni nostri, tranne che con lo sputo acido e un costume meno interessante.

Anti-Venom (Eddie Brock)

Nel corso della lunga storia del simbionte di Venom, è stata una metafora di tutto, dalle relazioni tossiche (veleno, capito?) Alla tossicodipendenza. Sfortunatamente per l'ospite originale Eddie Brock, una trama vide il simbiote come l'unica cosa che lo teneva in vita dal cancro terminale - si è scoperto che il simbiote stava banchettando con l'adrenalina in eccesso dal cancro, impedendo a Eddie di conoscere la sua malattia. Una serie di eventi ha portato Eddie a rinunciare al simbionte e, presto, il suo cancro è stato curato da un supercattivo con il potere di invertire vari disturbi. Quando il simbionte Venom si presentò a volte più tardi, si unì alle cellule anticancro di Eddie per diventare Anti-Venom.



Mentre potrebbe sembrare il secondo cugino di zia May, Anti-Venom era una versione invertita di colore di Venom con la capacità di curare la tossicodipendenza, le cellule simbiotiche e anche il cancro. Mentre potresti pensare che un personaggio più o meno eroico con la capacità di curare il cancro farebbe ondate più grandi nell'universo Marvel, Anti-Venom si imbatté principalmente in violenti equivoci con Spider-Man e il Punitore. Il ruolo di Anti-Venom come protettore tutt'altro che letale di New York si concluse quando Eddie Brock sacrificò l'anti-simbionte per creare una cura per una malattia che aveva trasformato tutta New York in ragno-people in una delle trame più visibilmente scomode che la Marvel abbia mai pubblicato.

I simbionti della galassia

Per un gruppo di alieni il cui lavoro li porta da un'estremità all'altra dell'universo, i Guardiani della Galassia sono sorprendentemente sensibili alle infezioni aliene. Sostituendo Tony Stark, Venom / Flash Thompson si unì ai Guardiani come inviato intergalattico della Terra, e il simbionte si scatenò brevemente e tentò di legare con quasi tutti i Guardiani. Prima Groot, poi Rocket e infine Drax - tutti hanno avuto una breve fase di Venom, che è sorprendentemente simile ad avere una fase emo al liceo. Sai, indossi tutto nero senza che succeda molto altro.

Si è scoperto che il motivo per cui il simbionte Venom era andato tutto alieno (il film, non il concetto) era che il mondo natale da cui proveniva l'aveva costretto a tornare per la pulizia psichica. La trasmissione psichica si era un po 'mutilata nella mente contorta del simbionte abbastanza a lungo per alcuni fantastici nuovi progetti di Guardiani di Venom. Dopo ciò, i Guardiani andarono per la loro strada allegra, ma non prima del Klyntar il pianeta natale li ha guariti da tutti i tumori che avevano accumulato - un'attività stranamente comune per benevoli simbioti.



Venom: Space Knight (Flash Thompson)

Mentre Eddie Brock è probabilmente l'host più noto per il simbionte Venom, un altro host di lunga data è stato Flash Thompson. Il bullo di una volta di Peter Parker è diventato per lungo tempo parte del cast di Spider-Man e alla fine ha perso le gambe in Iraq. Una procedura sperimentale gli garantì l'uso di un simbionte catturato e divenne l'agente Venom finanziato dai militari. Da lì, Flash ha scalato le file dell'universo Marvel, unendosi ai Vendicatori segreti e infine ai Guardiani della Galassia (vedi precedente) dove è diventato Venom: Space Knight. Mentre c'è più di un salto e un salto coinvolti nel passare da missioni militari segrete come un supereroe di simbiote a un protettore cosmico spaziale, un retcon ha aperto la strada rivelando che il simbionte faceva parte di una razza in gran parte benevola chiamata Klyntar.

Il Klyntar si legherebbe con gli eserciti per fornire una direzione alla loro benevolenza informe, il che significa che tutti i malvagi simbioti nell'universo Marvel erano in realtà solo aberrazioni. Il pianeta natale di Klyntar riportò il simbiote di Venom mentalmente instabile al suo stato puro, permettendo a Flash di usarlo senza preoccuparsi di essere impazzito con il desiderio di mangiare persone. Il 'processo di purificazione' ha inoltre assegnato a Flash un breve ruolo di agente del cosmo, un'intera organizzazione composta da eroici simbioti e dai loro ospiti che, per qualche ragione, non si erano mai preoccupati di visitare la Terra prima. Come per la maggior parte delle trame che coinvolgono il simbiote originale di Venom, la svolta eroica di breve durata è stata confusa dopo che il simbionte è ricaduto in intenzioni omicide.

She-Venom (Anne Weying)

Ci sono alcune costanti nella narrazione dei fumetti: numero uno, la versione femminile di un personaggio maschile avrà sempre un seno visibile, anche quando sono un mostro. Numero due, essendo la fidanzata di un famoso supereroe o supercattivo di solito finisce con la morte. Numero tre, se sei un avvocato nell'universo Marvel e il tuo nome non lo è Matt Murdock o Jennifer Walters, avrai difficoltà. Sfortunatamente per Anne Weying, alias She-Venom, ha colpito tutti e tre.

Ex moglie di Eddie Brock, Anne era un'avvocato che finì per rimanere intrappolato nel mezzo delle lotte di Spider-Man e Venom nel corso degli anni. Sfortunatamente, essere un personaggio di supporto nei fumetti di supereroi raramente finisce bene per chiunque. Quasi ucciso da un altro cattivo di Spidey, Anne si legò a una parte del simbionte di Venom - più volte. Alla fine, la tensione di trattare con un ex marito che era letteralmente un assassino posseduto da alieni (combinato con le sue brevi furie omicide come She-Venom) la portò a uccidersi. Anche se non sarebbe l'ultima femmina Venom nell'universo Marvel (o anche l'ultima femmina simbiota in questa lista), vince il dubbio onore di essere una delle peggiori progettate.

Mania (Andrea Benton)

A proposito di simbionti femminili, c'è anche Andrea Benton, alias Mania. Originariamente uno studente di Flash Thompson quando era insegnante di palestra (e l'eroe militare, agente Venom), Andrea Benton si legò al simbiote quando Flash la proteggeva con il suo simbionte durante un attacco del supercattivo Jack O'Lantern. Come è comune con i conduttori di simbionte appena legati, Andrea ha scatenato una furia di vendetta contro Jack O'Lantern nei panni della Mania alimentata dal simbionte. Anche se questo potrebbe normalmente non farla rientrare in un elenco dei più bizzarri simbioti, in seguito ha scoperto di poter controllare i demoni quando lei e Venom sono state attaccate da un cattivo che ha aperto un portale dimensionale all'inferno.

Si è scoperto che quando Venom era andato all'inferno (ne parleremo più avanti), Mefisto aveva stretto un accordo con il simbionte che lo rendeva un possibile successore come il Signore dell'Inferno. Quando Flash ha protetto Andrea dall'attacco di Jack O'Lantern, il simbionte aveva effettivamente separato la parte di se stesso infettata dall'Inferno-Mark e l'aveva scaricata su Andrea. Dopo essere diventato brevemente pazzo a causa dell'influenza di Hell-Mark (cos'altro fanno i simbionti?), Andrea ha perso il simbionte ma ha conservato la capacità di sparare letteralmente a fuoco infernale e controllare i demoni.

scene di fumetti

Raze (Claire Dixon)

Che ci crediate o no, Mania non è l'unico simbionte demoniaco nell'universo Marvel. C'è anche Raze, che deve la sua creazione a una combinazione di Carnage - il primo spin-off di Venom e la combinazione di progenie e host serial killer - e un libro demoniaco chiamato Darkhold. Raze era originariamente un agente dell'FBI di nome Claire Dixon a cui era stato assegnato il compito di cacciare Carnage come parte di un'unità anti-Carnage che includeva Eddie Brock (all'epoca decentrato del suo simbiote Venom). Sfortunatamente, fallì su una scala piuttosto massiccia, poiché la sua trappola esplosiva in realtà collegava Carnage al culto di Darkhold in stile Cthulu invece di ucciderlo. Recentemente intriso di poteri demoniaci (sebbene diversi tipi di poteri demoniaci rispetto a Mania), Carnage è stato in grado di attaccare un pezzo di se stesso a Claire, trasformandola in Raze lavato dal cervello.

Alla fine Claire rinunciò al simbionte, per aiutare a bandire il dio anziano Chthon, e sacrificò la sua vita per proteggere il resto della sua squadra dall'ira di Carnage. Anche se potrebbe non essere durata a lungo nel ruolo di Raze, probabilmente è il meglio. Dopotutto, la Marvel ha già un coppia di personaggi di nome Raze.

Gwen Stacy Carnage

Siamo rimasti per lo più nell'universo Marvel principale (di solito designato Terra 616) quando parliamo di bizzarri simbioti, ma c'è molto da esplorare nel più vasto multiverso. Nell'universo supremo (Terra 1610), Gwen Stacy finì per controllare il simbionte di Carnage. Oh, ed era anche un clone dopo che l'originale Gwen Stacy fu assassinato dal Carnage originale.

All'inizio, l'universo Ultimate era un modo per raccontare alcune delle classiche trame di Spider-Man per una nuova generazione, senza il trascinamento di continuità che aveva portato a vendite in calo e fan confusi. In pratica, questo è durato circa alcuni anni prima che l'universo Ultimate finisse con la sua complessa continuità e bizzarri riferimenti a eventi di scarsa lettura.

L'originale Gwen Stacy era stato consumato da Carnage dopo che Curt Connors (meglio conosciuto come la lucertola malvagia nel 616) aveva tentato di replicare il simbionte di Venom, che era stato creato dall'uomo piuttosto che una specie aliena, come nella Terra 616. si è scoperto che Connors e un altro scienziato avevano creato un clone di Stacy a partire dal materiale genetico assorbito da Carnage (in un cenno buffo a continuità alternata, l'altro scienziato si chiamava Ben Reilly, il nome del clone di Spider-Man sulla Terra 616) . The Carnage Stacy è fuggito, ha incontrato Spider-Man e (ovviamente) ha dato il via accidentalmente al ringiovanimento di Venom quando ha cercato di dare a Eddie Brock un discorso d'intesa sul non essere più un mostro. Fortunatamente per Gwen 2.0, questo la liberò dall'influenza del simbionte, e oltre ad alcune persistenti domande filosofiche sul fatto che un clone fosse davvero umano o no, fu in grado di vivere una vita abbastanza felice fino al annientamento letterale dell'universo.

T-Rex Venom

Parte del motivo per cui i simbioti finiscono per essere attaccati a così tanti personaggi diversi in così tanti modi diversi è che c'è un innegabile brivido nel vedere alcuni dei tuoi personaggi preferiti trasformarsi nella forma tendenziosa del marchio Venom. Personaggi solo velenosi sembra bello, e in un mezzo visivo come i fumetti, guardare alla moda conta molto. T-Rex Venom è la logica conclusione di questo fenomeno; combina solo due cose intrinsecamente fantastiche in una cosa ancora più fantastica - ed è difficile discutere contro il T-Rex Venom non essere eccezionale.

Nonostante appaia solo in alcune pagine del Vecchio Logan universo alternativo (che originariamente doveva essere l'inevitabile futuro distopico dell'universo Marvel fino a quando un successivo retcon non ne fece il proprio universo), T-Rex Venom è l'epitome degli elementi visivi del libro. Se stai mettendo in mostra un mondo in cui i detriti in rovina dell'universo Marvel hanno portato a un'America lacerata da supercattivi e mostri ridicoli, non esiste un simbolo migliore di quello di un gigantesco tirannosauro rex ricoperto di gobo di simbionte.

Venom Hulk Ghost Rider

Ricordi quando parlammo di come Flash Thompson andò all'inferno e venisse segnato da Mefisto? Bene, la trama presentava anche Red Hulk, X-23 e Ghost Rider come una squadra di supereroi con una somiglianza subdola al Nuovi fantastici quattro (una breve serie dei Fantastici Quattro che ha caratterizzato Wolverine, Spider-Man, Hulk e Ghost Rider come l'omonimo super team). La storia prevedeva che tutti e quattro i supereroi venissero inviati all'Inferno dopo essere stati assassinati da Blackheart, figlio di Mefisto (da non confondere con il Figlio di Satana, un personaggio diverso), che aveva portato un pezzo di inferno a Las Vegas.

Dopo aver fatto un accordo con Mefisto per tornare in vita, Venom diede il simbionte a Red Hulk, già posseduto dallo Spirito di Vendetta, fondendosi così in un Venom Hulk Ghost Rider. Il fatto che tutti e quattro gli eroi fossero morti e avesse letteralmente stretto un accordo con il diavolo si rivelò avere ripercussioni; nel caso di Flash, ha coinvolto un Marchio Infernale che alla fine avrebbe portato alla produzione di un altro simbiote impazzito, Mania (vedi precedente). Ad ogni modo, la combinazione della forza di un Hulk, dello Spirito di Vendetta e del potere del simbionte, si rivelò sufficiente per invertire la tendenza della battaglia - e riportare Las Vegas dall'Inferno sulla Terra nella tana di peccato con cui ci sentiamo più a nostro agio.