Le morti di film più scioccanti di tutti i tempi

Di Nolan Moore/11 gennaio 2019 12:04 EDT

La morte fa parte della vita, quindi naturalmente la morte fa parte del cinema. Indipendentemente dal genere di film che stai guardando - azione, dramma, horror, commedia - ci sono buone probabilità che vedrai qualcuno morire sullo schermo. Certo, non tutte le morti per film hanno lo stesso impatto. Alcuni ti fanno piangere, altri ti fanno ridere e altri ti fanno rabbrividire dal dolore. E a volte, sei così impegnato a goderti lo spettacolo che non ti accorgi nemmeno che gli eroi stanno uccidendo cattivi a destra ea sinistra.

Ma poi, ci sono alcune morti che ti lasciano assolutamente sbalordito. Forse è stato così incasinato che ti ha lasciato vacillare, o forse è stato così inaspettato che hai dovuto sollevare la mascella dal pavimento. Forse un personaggio amato ha morso la polvere o una stella della lista A che non muore mai alla fine trascinata via da questa bobina cinematografica. Dai cattivi squilibrati ai bambini indifesi, queste sono le morti dei film più scioccanti di tutti i tempi.



I pipistrelli vengono infilzati in Baby Driver

Diretto da Edgar Wright, Baby Driver è un thriller poliziesco divertente con scene di rapina coreografate su una colonna sonora eclettica, ma al di là degli scontri a fuoco e delle canzoni pop, questo film del 2017 attira anche il suo pubblico. Per una buona parte del film, sembra che il cattivo principale sarà Bats (Jamie Foxx), un triggerman psicopatico che indossa una giacca rossa. Questo tizio è completamente scardinato e non è il più grande fan del nostro eroe appassionato di musica, Baby (Ansel Elgort). Ma a circa due terzi del film, il manto del cattivo passa da Bats al vendicativo Buddy (Jon Hamm). In che modo Don Draper divenne improvvisamente il cattivo principale?

Bene, è perché i pipistrelli hanno un brutto caso di 'armatura attraverso il torace', una malattia che è quasi sempre fatale. Durante una rapina dell'ufficio postale sfortunata, la tensione tra Bats e Baby aumenta. Baby ha avuto abbastanza dei suoi modi omicidi, e dopo che l'uomo armato ha caricato un sacco di pallottole in una sfortunata guardia di sicurezza, il nostro eroe abbatte lo psicopatico. Certo, Baby non ha una pistola, ma essendo il miglior pilota di fuga al mondo, ha la prossima cosa migliore: un'auto. Baby fa un passo sul gas, punta su un camion da lavoro e getta un carico di tondo per cemento armato, bloccando Bats al suo posto. E proprio così, l ''antagonista principale' è sparito, lasciando Baby con un nuovo cattivo di cui preoccuparsi.

La ragazza che è stata scossa da The Ballad of Buster Scruggs

La ballata di Buster Scruggs è un inno alla morte, con quasi ogni capitolo dell'antologia che termina male per il personaggio principale. Ma nessuno di questi finali è così sconvolgente come quando Alice Longbaugh incontra il suo destino in 'The Gal Who Got Rattled'. In questo segmento, Alice (Zoe Kazan) si sta recando a malincuore verso ovest in un vagone e, lungo la strada, fa una relazione d'amore con uno dei leader del partito viaggiante. Sembra che i due potrebbero persino essere agganciati quando arrivano in Oregon, ma le cose prendono una piega triste quando Alice cavalca nella prateria, cercando il suo cane smarrito.



Certo, trova il cane ribelle, ma scopre anche un partito di guerra dei nativi americani con l'omicidio nelle loro menti. Fortunatamente, non è sola là fuori in mezzo al nulla. Un trailman brizzolato di nome Mr. Arthur (Grainger Hines) si presenta nel corso del tempo, con il fucile in mano. Ma prima di partire per affrontare la minaccia indiana, dà ad Alice una pistola, avvertendola che se muore in battaglia, è meglio che le faccia esplodere il cervello. Dopo un paio di chiamate ravvicinate, il signor Arthur combatte la festa di guerra ... ma quando torna a controllare Alice, trova il suo cadavere disteso nella prateria, con il revolver in mano, un foro di proiettile nella testa. È un momento devastante in una tragica storia, e siamo tutti d'accordo con il signor Arthur sul fatto che la povera Alice non avrebbe dovuto farlo.

banche faze

La sanguinosa morte di Brad Pitt in Burn After Reading

Brad Pitt muore molto nei suoi film, ma per la maggior parte, le sue morti non sono poi così scioccanti. Lo capisce spesso ucciso fuori dallo schermo, ha il suo assassinio viziato dal titolo, o è solo un frutto dell'immaginazione di qualcuno quindi non importa davvero comunque. Ma Pitt viene subito ucciso con una gigantesca esplosione di sangue Brucia dopo aver letto, una commedia oscura di i fratelli Coen.

Questo film trova Pitt che interpreta un trailer personale non molto brillante di nome Chad Feldheimer che scopre un CD contenente alcuni documenti dall'aspetto sensibile. Davvero, sono solo le inutili memorie personali di un alcolizzato agente della CIA (John Malkovich), ma Chad pensa che si tratti di roba governativa di alto livello e che l'agente pagherà un pacchetto per recuperarlo. Attraverso una serie di pessime decisioni, Chad finisce per nascondersi nell'armadio sbagliato al momento sbagliato e si trova faccia a faccia con il più paranocida uomo di legge del pianeta, il maresciallo americano Harry Pfarrer (George Clooney).



Esattamente come Chad e Harry attraversino i percorsi è un po 'difficile da spiegare, ma Harry in realtà non scopre mai cosa sta facendo Chad nascosto in un armadio. Invece di chiedere che succede, Harry estrae una pistola e decora le pareti con il cervello di Chad. È una di quelle scene che ti fanno ridere scioccamente, grazie a tutto quel sangue e quel sorriso grande e sciocco sul viso di Pitt che viene cancellato pochi secondi dopo.

Un topo salva un topo in The Departed

Martin Scorsese non è estraneo a morti scioccanti. I suoi film sono pieni di uccisioni raccapriccianti e morti inattese, ma il momento più sorprendente della storia di Scorsese deve essere la scena dell'ascensore La partenza. Dopo il gioco di gatto e topo più devastante del mondo, il poliziotto in borghese Billy Costigan (Leonardo DiCaprio) scopre che l'ufficiale di polizia di alto rango Colin Sullivan (Matt Damon) è in realtà una talpa sotto copertura per la folla. Volendo abbattere il boccino, Costigan lo attira in cima a un edificio abbandonato e dà uno schiaffo a Sullivan.

Ovviamente, nessun programma è mai andato liscio in un film di Scorsese. I due entrano in un ascensore, ma non appena le porte si aprono, la testa di Costigan scatta all'indietro e il sangue spruzza dappertutto. A quanto pare, Sullivan non era l'unica talpa che lavorava per la folla, e un secondo topo (James Badge Dale) ha appena messo un proiettile in testa al povero Billy. E onestamente, questa è una morte che fa davvero male. Costigan ha attraversato l'inferno per abbattere questo cattivo ragazzo, e ora che è a pochi minuti dal diventare un eroe, tutto finisce quando un topo si presenta per salvare un compagno topo. Fortunatamente, Marky Mark è ancora là fuori, pronto per la vendetta.

Un dentista uccide Candie in Django Unchained

Il tipo di morte meno scioccante è quando il cattivo principale morde il proiettile. Se stai guardando un film d'azione, sai che il cattivo morirà. Tuttavia, nella maggior parte dei film, l'antagonista viene eliminato dall'eroe principale nell'ultimo atto del film. Ma Django Unchained trasforma quel trofeo cinematografico su di esso quando Calvin Candie riceve i suoi dolci.

Diretto da Quentin Tarantino, Django Unchained segue lo schiavo omicida (Jamie Foxx) che è alla ricerca di liberare sua moglie Broomhilda (Kerry Washington) da Candie, un francofilo sadico interpretato da Leonardo Di Caprio. Django si allea con un dentista di caccia alle taglie di nome King Schultz (Christoph Waltz) per superare in astuzia Candie e riacquistare Broomhilda praticamente per nulla. Ma quando Candie viene a sapere che viene interpretato e che Django e Broomhilda sono sposati, costringe il duo a sborsare un grosso pezzo di cambiamento.

Ciò è particolarmente irritante per Schultz, che è ancora perseguitato da tutto l'orrore che ha visto nella piantagione di Candie. Django è abituato all'incubo della schiavitù, ma vedere un uomo fatto a pezzi dai cani è una novità per il dentista tedesco. Quindi, quando Candie insiste sul fatto che Schultz stringe la mano per sigillare l'accordo (nel tentativo di umiliare Schultz), il dentista risponde tirando fuori una pistola e sparando allo schiavo sul petto. Fino a questo punto, eravamo positivi Django avrebbe spazzato via questo ragazzo, ma Schultz doveva andare a sovvertire le aspettative. L'uomo si scusa persino con Django e con il pubblico, dicendo che non poteva proprio trattenersi.

Una vera tragedia criminale in Foxcatcher

Se sai la vera storia dietro a Foxcatcher, quindi probabilmente non sarà una sorpresa quando Mark Ruffalo prende un proiettile sul ventre. Ma se entri nel cieco del film, la morte prematura di Dave Schultz sarà una sorpresa completa.

Foxcatcher racconta la storia di una relazione a tre vie travagliata tra i lottatori olimpici Mark e Dave Schultz (rispettivamente Channing Tatum e Ruffalo) e l'eccentrico milionario John E. du Pont (Steve Carell). Un uomo che vacilla al limite della follia, du Pont gestisce il Team Foxcatcher - una squadra di lottatori che vive nella sua vasta tenuta - ei suoi atleti di punta sono i fratelli Schultz.

Inutile dire che con tutto questo ego e testosterone (per non parlare della cocaina) in giro, c'è molto attrito tra il trio. È particolarmente difficile tra du Pont e Mark, poiché il milionario manipola e abusa costantemente del lottatore insicuro. Naturalmente, Dave si schiera con suo fratello, e dopo un Mark frustrato fugge dalla tenuta per allontanarsi da du Pont, il boss concentra tutta la sua rabbia sul vecchio Schultz.

Il tutto culmina in una giornata nevosa in cui, quasi dal nulla, il milionario impazzito si ferma a casa di Dave e lo riempie di piombo. Un film che ha iniziato un dramma è diventato lentamente un thriller poliziesco. Rendere la scena ancora più scioccante è che stiamo vedendo Michael L'ufficio abbattere Bruce Banner a sangue freddo. Questi non sono attori che siamo abituati a vedere uccidere o essere uccisi, e la scena ha sorpreso il pubblico e li ha lasciati sbalorditi.

Un Texas Ranger morde la polvere in Hell o High Water

Un western moderno, Inferno o acqua alta gioca un trucco interessante sul suo pubblico: ti fa fare il tifo sia per i rapinatori di banche che per gli uomini di legge. Da un lato, hai Chris Pine e Ben Foster nei panni di Toby e Tanner Howard, criminali della classe operaia che sono stati fregati dal sistema. Dall'altro lato, c'è Jeff Bridges e Gil Birmingham nei panni di due Texas Rangers, Marcus Hamilton e Alberto Parker. Questi ragazzi hanno catturato criminali insieme per oltre un decennio e, nonostante tutti gli abusi che Hamilton lancia alla Parker, i due sono incredibilmente severi.

Durante tutto il film, i Ranger sono alla ricerca inseguita dei fratelli Howard, e nella scena climatica, riescono ad angolo Tanner - il più pazzo dei due - su una cresta della montagna. Le nostre lealtà sono divise mentre i gruppi si sparano l'un l'altro, ma le cose vanno da tese a tragiche in un battito di cuore. Un momento, Hamilton e Parker si stanno nascondendo dietro una macchina, tramando una strategia mentre Hamilton si oppone di buon umore a Parker con un buon umorismo da vecchio ragazzo. E poi, proprio così, Tanner mette un proiettile in testa a Parker, lasciando l'avvocato in una pozza di sangue. È una morte dura in un paesaggio aspro, che ci fa sentire in conflitto. Una parte di noi vuole ancora che Tanner se ne vada, ma speriamo anche che Hamilton si vendichi del suo amico caduto.

Paimon va avanti in ereditario

Scritto e diretto da Ari Aster, ereditario è un film horror seriamente incasinato che segue la sfortunata famiglia Graham, un clan infestato da malattie mentali e un culto folle. La storia inizia dopo la morte della matriarca di famiglia, con la famiglia che si trasforma in rabbia e depressione. E non aiuta che esista uno spirito malvagio. All'insaputa del resto della famiglia, la tredicenne Charlie (Milly Shapiro) è posseduta da un antico demone di nome Paimon, e quel culto di cui sopra ha elaborato un piano elaborato per trasferire lo spirito da Charlie a suo fratello maggiore, Peter ( Alex Wolff).

stan lee anni '80

Sfortunatamente, parte del piano prevede l'omicidio del povero Charlie. Lo schema inizia a una festa del liceo, quando Charlie subisce uno shock anafilattico dopo aver mangiato delle noccioline. Mentre fatica a respirare, Peter la corre in ospedale, facendo a pezzi la strada a una velocità folle. Soffocando, Charlie rotola giù dalla finestra e sporge la testa, proprio mentre Peter devia per evitare un animale morto. È una mossa fatale mentre quasi si lancia in un palo del telefono ... che fa cadere la testa di Charlie.

Nel momento in cui Peter sente quel tonfo nauseabondo, sbatte le pause e rimane scioccato, che è praticamente la stessa reazione di chiunque guardi il film. È incredibilmente raro vedere un bambino morire in modo così raccapricciante. Inoltre, Charlie è apparso piuttosto pesantemente nel materiale promozionale per il film, e tutti pensavano che sarebbe stata in giro per l'intera storia. Ma il film tira a Psicopaticoe il povero Charlie perde la testa. Certo, questo è solo il primo di molti orrori che ereditario ha da offrire.

Shosanna dice addio in Bastardi senza gloria

A partire dal Pulp Fiction per gli otto odiosi, I film di Quentin Tarantino sono pieni di morti scioccanti, ma nessuno è così inquietante come Shosanna Bastardi senza gloria. Interpretato da Melanie Laurent, Shosanna Dreyfus è l'unico membro della sua famiglia a sfuggire alle grinfie omicide del colonnello Hans Landa (Christoph Waltz). Alla fine finisce a Parigi, apre un teatro e escogita un complotto per uccidere alcuni ufficiali nazisti di alto rango, incluso il vecchio Adolf in persona. Il suo piano prevede l'attesa per la prima di un film di propaganda e quindi l'incendio del suo teatro. Sfortunatamente, la star e il soggetto del film di cui sopra - l'eroe di guerra Fredrick Zoller (Daniel Brühl) - è assolutamente colpito da Shosanna e non la lascerà sola.

Zoller inizia davvero a complicare le cose quando fa irruzione nella cabina di proiezione, chiedendo l'affetto di Shosanna. Lei risponde mettendo un paio di proiettili nella sua schiena. Ma mentre giace morendo sul pavimento, lei inizia a provare simpatia per il ragazzo - dopo tutto, è solo un soldato intrappolato in una guerra folle. Ma quando va a controllarlo, Fredrick prende una pistola e uccide Shosanna mentre si gonfia una melodia triste di Ennio Morricone. Stiamo aspettando da tanto tempo che Shosanna si vendichi dei nazisti, e ora sta sanguinando a morte in una svolta deprimente di eventi. Fortunatamente, i suoi piani sono ben avviati e anche se non riuscirà a vedere bruciare i nazisti, lo faranno sicuramente vederla mentre salgono in fiamme.

Pappe nella mamma!

Darren Aronofsky sa come scioccare e disturbare, e per la prova delle sue orribili abilità, non guardare oltre madre! Questo bizzarro sogno di febbre di un film è un sconvolgente allegoria religiosa, dove il personaggio principale di Jennifer Lawrence è 'Madre Terra', il poeta di Javier Bardem è Dio, e il loro neonato è Gesù. Se riesci a capire presto i parallelismi religiosi, allora potresti essere in grado di indovinare cosa succederà al neonato della Madre. Ma se sei solo sopraffatto dalla stranezza di tutto ciò, allora potresti essere colto alla sprovvista - e assolutamente disgustato - quando il bambino incontra la sua macabra fine.

Incantato dai fan che hanno invaso la sua casa, Him di Javier Bardem decide di sfoggiare suo figlio contro i desideri di sua madre. Mentre urla in segno di protesta, Lui passa il bambino alla folla, che poi lo trascina in adorazione, lodando il bambino mentre il bambino essenzialmente affolla la casa. Il bambino piange per il dolore e la madre sta gridando per il suo bambino. E poi, improvvisamente, la testa del bambino torna troppo indietro e il suo collo si spezza a metà, uccidendolo all'istante. Ma l'orrore non è ancora finito. Nella comunione più macabra del mondo, la folla decide di fare uno spuntino sul corpo del bambino, provocando più di qualche caso di nausea.

Josh Brolin è a corto di fortuna in No Country for Old Men

Basato sul romanzo di Cormac McCarthy, Non è un paese per vecchi non è il tuo tipico thriller. Nel tuo colpo di suspense, il bravo ragazzo e il cattivo alla fine si affronterebbero, con l'eroe che se ne va vittorioso. Ma in questo film di Coen Brothers, non solo Llewelyn Moss (Josh Brolin) e Anton Chigurh (Javier Bardem) non si danno nemmeno una buona occhiata, ma Moss viene ucciso fuori dallo schermo, da personaggi casuali che escono dal nulla, con un sacco di tempo rimasto nel film.

Un momento, Llewelyn sta pensando ai suoi affari in un hotel, flirtando con una donna in piscina. Il successivo, lo sceriffo Ed Tom Bell è testimone di un'auto piena di gangster messicani che urla dal parcheggio e, quando va a indagare, c'è il corpo insanguinato di Josh Brolin, disteso in una stanza d'albergo. Come pubblico, siamo addestrati ad aspettarci che l'eroe esca almeno in un tripudio di gloria contro il cattivo principale, ma proprio come nella vita reale, la morte arriva per Llewelyn quando meno ce lo aspettiamo. È una morte casuale come il lancio di una moneta.

La morte cruenta di un supereroe in Super

Prima di attenuare le cose Guardiani della Galassia, James Gunn goduto un pubblico scioccante con film inquietanti come Tromeo e Giulietta e strisciare. E quando è arrivato il momento di girare il suo primo film di supereroi, Super, Gunn non ha tirato pugni. Questo film d'azione sottovalutato segue il cuoco di breve ordine Frank Darbo (Rainn Wilson), che si trasforma in un vigilante ultravioletto noto come Crimson Bolt dopo che sua moglie scappa con uno squallido spacciatore. Il Crimson Bolt non ha pazienza per chi infrange le regole e, sia che tu molesti i bambini o che ti stia tagliando al cinema, ti affonderà il cranio con la sua chiave inglese.

Lungo la strada, Frank raccoglie un compagno, un nerd di fumetti allegramente sadico di nome Libby (Ellen Page). Adotta il suo personaggio, Boltie, e insieme i due provocano il caos sui criminali locali, con Boltie che si gode un po 'troppo la violenza. Ma gli eroi che vivono di spada alla fine muoiono di spada. Nel climax esagerato del film, Frank e Libby attaccano la malvagia dimora dello spacciatore, e solo pochi secondi dopo l'attacco, Libby prende un proiettile al cervello. È un momento davvero inquietante, vedere Giunone steso a terra con metà del suo viso mancante. E anche se ispira Frank ad uccidere un sacco di cattivi, è difficile guardare la carneficina mentre stiamo ancora riprendendo dal raccapricciante destino di Ellen Page.