La vera ragione per cui The Rocketeer non ha mai avuto un sequel

Di Abbey White/30 aprile 2020 13:08 EDT/Aggiornato: 30 aprile 2020 13:09 EDT

Quando il pezzo del periodo dei supereroi DisneyThe Rocketeer salito nelle sale nel 1991, era pronto a lanciare una trilogia di grande successo. Basato su una serie comica dei primi anni '80 dello scrittore e artista Dave Stevens, l'azione-avventura e il suo eroe a propulsione a razzo era un omaggio vivace e affettuoso al genere di serie cinematografiche del sabato che abbellivano schermi teatrali e onde radio TV dagli anni '30 agli anni '50 .

Nel film, Cliff Secord (Bill Campbell) è un arrogante pilota di stuntman che si imbatte in un missile rubato da Howard Hughes. Dopo aver deciso di indossare il razzo e un elmetto appariscente, Cliff usa il suo alter ego appena creato per salvare la giornata da una banda di nazisti che vogliono il suo jetpack come arma. Dinastia la stella Campbell era agli inizi della sua carriera quando lui ha ottenuto il ruolo principale negli A-lister come Dennis Quaid, Kurt Russell e Bill Paxton. Il resto del cast era pieno di nomi familiari, tra cui Jennifer Connelly, Alan Arkin, Timothy Dalton, Terry O'Quinn e Ed Lauter.



I diritti cinematografici sulla storia di Stevens di un pilota acrobatico trasformato in supereroe sono stati acquistati subito dopo l'uscita dei suoi primi numeri, con Stevens alla fine consegna dei diritti a due scrittori di cui si fidava gratuito. Dopo diversi anni di riscrittura della sceneggiatura, un cambio di regista e un cambio di studio, uno dei I primi supereroi non DC o Marvel di Hollywood sembrava pronto a lasciare il segno nel cinema degli anni '90 con un franchising. Dalla sua uscita originale, il film ha creato un seguito cult, ma i suoi sequel pianificati non si sono materializzati. Quindi, cosa è successo alla futura trilogia?

Nonostante sia supportato dalla Mouse House e vanta numerosi riconoscibili nomi di Hollywood, The RocketeerIl complicato processo di sviluppo, unito alle sue prestazioni al botteghino, ha contribuito a suggellare il suo destino come supereroe autonomo.

La Disney ha trasformato la storia per adulti di Stevens in un'avventura per famiglie per la vendita di giocattoli

Pochi anni dopo la prima apparizione dell'eroe, Stevens mise il Rocketeer nelle mani degli sceneggiatori Danny Bilson e Paul De Meo. Loro e Stevens avevano inizialmente concepito un film in bianco e nero a basso budget 'divertente e stravagante', ma una volta Angels in the Outfield il regista William Dear si è affezionato, quel concetto si è trasformato in un film più grande in studio (via Rivista TwoMorrows).



Con la benedizione di Stevens, il team ha lanciato il film prima di firmare un accordo con Touchstone Pictures. L'accordo consentì a Bilson e De Meo room di concepirne almeno altri due Rocketeer film, ai quali Stevens ha detto che il duo stava lavorando prima che entrasse allora il presidente della Disney Jeffrey Katzenberg. Dopo che il titolo è stato spostato nella casa madre della Touchstone, Walt Disney Pictures, un'offerta fallita per modernizzare la sceneggiatura ha visto lo studio eliminare il più adulto elementi. Ciò include la protagonista femminile dei fumetti, Betty, una modella nuda nell'opera di Stevens ispirata a Bettie Page.

'Non appena avremo firmato tutti, Katzenberg ha fatto un interruttore e ha detto:' No, sarà una versione Disney, perché la Disney ha bisogno di un successo dal vivo ', ha detto Stevens Rivista TwoMorrows. 'Così immediatamente, Betty e qualsiasi altra cosa' adulta 'uscì subito con l'acqua del bagno. Hanno davvero cercato di metterlo in una proprietà per bambini in modo da poter vendere giocattoli. '

Nonostante ciò, il film aveva una notevole e talentuosa troupe alle spalle, incluso lo studio Industrial Light & Magic di George Lucas, con Ken Ralston (Chi ha incastrato Roger Rabbit, Star Wars: Return of the Jedi) che funge da supervisore VFX. Le funzioni di regia sono infine apparse nelle mani dell'artista e degli effettiTesoro, ho ridotto i bambinitimone Joe Johnston. A un certo punto, la Disney ha persino approvato un aumento del budget di $ 10 milioni. 'Abbiamo concordato 25 milioni di dollari, ma una volta che (Disney) ha iniziato a vedere filmati, si sono resi conto che si trattava di un film più grande di quanto si aspettassero e hanno approvato gli eccessi', ha detto Johnston Spettacolo settimanale nel 1991.



Il botteghino deludente e la tensione dello studio hanno bloccato un sequel di Rocketeer

L'interesse di Katzenberg per le vendite di giocattoli potrebbe aver portato a un film realizzato per il pubblico sbagliato. Apertura lo stesso fine settimana di Terminatore 2, The Rocketeer guadagnato solo $ 46,7 milioni al botteghino con un budget di $ 35 milioni - non abbastanza per essere considerato un successo dopo i costi di marketing. UNbomba al botteghino conuna risposta critica mista, lo studio ha abbandonato i piani per altri film di supereroi per famiglie.

'Quando il film non si è esibito nelle prime due settimane come avevano previsto, avrebbe perso la fiducia in esso e ha fatto esplodere tutta quella merce nel Midwest', Stevens ha ricordato. 'Molto non è mai stato visto nemmeno sulle coste orientali o occidentali. È finito in posti come Pick 'n' Save e 99 ¢ store. '

Il botteghino e la mancanza di vendite di giocattoli hanno sicuramente contribuito alla decisione di abbandonare i piani per nessunoRocketeer seguiti. Tuttavia, un'intervista del 2008 con la star del film Bill Campbell ha anche rivelato che le tensioni tra il regista e lo studio avrebbero potuto essere in parte responsabili.



'Stavo parlando con Dave Stevens proprio la sera prima. Abbiamo sempre parlato di un sequel ', ha detto Campbell Notizie MTV. 'Il film non ha fatto tanti soldi come la Disney aveva sperato e ciò si è unito alla relazione acrimonica che il regista (Joe Johnston) e lo studio avevano contribuito a farli senza nemmeno considerarlo.'

Mentre la sua versione iniziale non è stata in grado di avviare a Rocketeer trilogia, il film ha trovato una seconda vita in home video e alla fine ha accumulato un seguito di culto. E nei 30 anni dalla sua uscita nel 1991, quel che segue ha continuato a spingere per a Rocketeer 2.



30 anni dopo, nuove avventure di Rocketeer stanno arrivando su Disney +

Decenni dopo la regia The Rocketeer, Joe Johnston avrebbe diretto un altro e più fruttuoso film di supereroi del periodo: il 2011 Captain America: The First Avenger. La coppia di sceneggiatori Bilson e De Meo, nel frattempo, si sono impegnati a creare Vipera, Serie di azione-avventura della metà degli anni '90 della NBC su un veicolo high-tech per combattere il crimine.

Per molti anni, la Disney è rimasta in gran parte disinteressata alla rivisitazione The Rocketeer, nonostante le richieste dei fan di un ritorno all'universo di Stevens, fino alla sua morte nel 2008 e oltre. Non sarebbe stato fino al 2010 e l'ascesa dell'universo cinematografico Marvel che lo studio ha cambiato tono. Nel 2016, Walt Disney Pictures ha confermato che stava sviluppando una storiaambientato sei anni dopo il film originale. Il tanto atteso follow-up vedrebbe una pilota nera di sesso femminile nel ruolo principale assumere il mantello del Rocketeer con una missione basata sulla guerra fredda. A partire dal 2020, il progetto, ora intitolato Il ritorno di The Rocketeerè ancora in sviluppo attivo e debutterà su Disney +, dove è già presente la Mouse House streaming originale non apprezzato del 1991.

Nel 2019, lo studio ha anche lanciato a Rocketeer serie animate per Disney Junior. Campbell fa la sua comparsa nello show, che segue la pronipote di sette anni di Cliff, Kit Secord, mentre indossa il jetpack e diventa il nuovo Rocketeer. Nessuno dei due progetti può essere Esattamentecosa aveva in mente Stevens quando The RocketeerIl team creativo ha firmato un accordo con Touchstone, ma manterrà sullo schermo l'eredità di questo omaggio alla cultura pop americana degli anni '30 e introdurrà un'intera nuova generazione al classico di culto.