La verità non raccontata di Kohei Horikoshi

Di Emily Reuben/14 febbraio 2020, 9:44 EDT/Aggiornato: 14 febbraio 2020 9:47 EDT

Sin dalla sua serializzazione nel 2014, il mangaMy Hero Academia è statouna sensazione in Giappone. Mentre la serie continuava, ha ricevuto un adattamento anime nel 2016, con un doppiaggio inglese che finalmente è arrivato sulle onde radio Adult Swim nel maggio del 2018. Da quando è diventato disponibile per la visione su Hulu e Crunchyroll, My Hero Academia è diventato l'ultimo enorme fenomeno anime per spazzare i mercati occidentali. Ha senso che una serie dedicata agli adolescenti superpotenti che cercano di capire la vita e i loro poteri allo stesso tempo avrebbe il potenziale per un appello in tutto il mondo. E mentre alcuni fan potrebbero aver visto ogni episodio dell'anime o aver letto ogni volume del manga, potrebbero ancora non conoscere l'uomo dietro la serie.

Kohei Horikoshi ha creato una delle serie manga più famose degli ultimi anni, ma poche persone probabilmente sanno molto del creatore stesso. Essere un privato al punto di indossa una maschera durante le interviste video, Horikoshi non rilascia molte interviste o discussioni pubbliche, in particolare non molte che sono tradotte in inglese. Per coloro che desiderano immergersi ulteriormente nell'anime di All Might, ecco la verità non raccontata di Kohei Horikoshi.



bane story

Primi anni di vita

Kohei Horikoshi ha sempre avuto un fascino per le belle arti. In un'intervista del 2018 al Comic-Con di San Diego, Horikoshi disse di aver iniziato a disegnare da bambino. I suoi genitori sostenevano le capacità artistiche di Horikoshi, offrendo incoraggiamento ogni volta che mostrava loro uno dei suoi disegni finiti. Quando giunse il momento di decidere dove andare a scuola, Horikoshi decise di dedicarsi al design all'Università delle Arti di Nagoya. Tuttavia, il suo obiettivo era in definitiva quello di diventare un artista manga.

Mentre era all'università, Horikoshi scoprì che la scuola non lo stava aiutando a realizzare il lavoro dei suoi sogni e esercitava la sua arte fuori dall'aula. Oltre ad attingere da solo, ha presentato il suo lavoro a diversi editori ed è stato riconosciuto con una menzione d'onore per il Premio Tezuka, un premio assegnato dall'editore Shueisha, la società responsabile della pubblicazione di molte riviste popolari tra cui Shonen Jump. Dopo essersi laureato alla Nagoya University of Arts, Horikoshi ha lavorato come freelance fino ad approdare al suo primo manga one-shot a Shonen Jump.

Iniziare con Shonen Jump

Per la maggior parte degli artisti manga che aspirano a creare una serie d'azione-avventura, il loro sogno è quello di pubblicare il loro lavoro Shonen Jump. Pubblicato per la prima volta nel luglio del 1968, è il la rivista di manga più venduta di tutti i tempi. Quando la rivista ha celebrato il suo 50 ° anniversario nel 2018, è stato riferito che oltre 7,5 miliardi di copie erano state messe in circolazione nel corso della sua vita.



Kohei Horikoshi non sognava solo di essere un artista manga; voleva renderlo grande. In un'intervista con Team Jump nel 2016, Disse, 'Entrare Shonen Jump è sempre stato un mio sogno. ' Si scopre che il lavoro extra che Horikoshi stava facendo al college gli è valso più di una semplice menzione d'onore. Gli è valso un posto in un'edizione stagionale del 2007 di Shonen Jump, dove hanno pubblicato artisti manga amatoriali. Horikoshi ha spiegato come è successo in un'intervista Rete di notizie anime dicendo: 'Al college, Saltare ha partecipato a numerosi concorsi. Ne ho presentato uno allora e ho vinto ... Penso di essere stato fortunato. '

Questa affermazione è probabilmente riferita a Tenko, Il manga one-shot del 2007 di Horikoshi. Questo colpo di fortuna porterebbe a qualcosa di più di una storia unica. Alla fine, Horikoshi ha continuato a creare il suo manga serializzato.

Zoo di Oumagadoki

La prima serie di manga di Horikoshi, Zoo di Oumagadoki, è iniziato nel 2010 e ha funzionato Shonen Jump settimanale fino al 2011. In totale, la serie ha avuto una tiratura relativamente breve con solo cinque volumi e 40 capitoli.



Zoo di Oumagadoki segue Hana Aoi, un'adolescente che viene presa in giro dai suoi coetanei per la sua natura goffa. Dopo aver trovato un volantino che pubblicizzava un lavoro part-time in uno zoo, Hana decide di informarsi. Una volta che Hana arriva all'omonimo zoo di Oumagadoki, scopre che il direttore dello zoo, Shiina, è stato maledetto e il suo corpo è ora mezzo umano e mezzo coniglio. Affinché Shiina possa riavere il suo corpo umano, deve prendersi cura degli animali dello zoo e renderlo il migliore del mondo, dimostrando così il suo amore per gli animali. Il problema? Shiina ritiene che questo compito sia troppo noioso. Fortunatamente per lui, Hana sembra essere un amante degli animali.

Anche se Zoo di Oumagadoki è una delle opere meno conosciute di Horikoshi, la serie ha aiutato l'artista a immergere i piedi nella creazione di manga. Inoltre, Zoo di Oumagadoki ha alcuni interessanti personaggi minori che in seguito si sono fatti strada My Hero Academia.

Sbarramento

Sensei no Baruji, o Sbarramento, è la seconda serie di manga di Horikoshi che si diletta nel regno della fantasia e dell'avventura. Inizialmente è iniziato come un manga one-shot in Salta AVANTI! nel 2011, ed è stato quindi serializzato un anno dopo in Shonen Jump settimanale. Simile alla prima serie di Horikoshi Zoo di Oumagadoki, Sbarramento ha avuto una breve tiratura con solo due volumi e 16 capitoli in totale.

La storia segue Astro, un giovane che vive nei bassifondi del pianeta Industria con i suoi fratelli adottivi. A seguito di un attacco alieno, Astro viene licenziato dal suo lavoro, lasciandolo incapace di provvedere alla sua famiglia. A seguito di questa sfavorevole svolta di eventi, Astro incontra Prince Barrage of Industria, che per caso assomiglia esattamente ad Astro. Volendo egoisticamente scappare dalla sua famiglia, il principe vuole che Astro scambi con lui. Astro è d'accordo e assume il ruolo del principe di Industria e gli viene data l'arma reale chiamata Org. Incaricato di proteggere la terra, Astro attraversa il mondo con l'Org e Tiamat, il capitano della guardia reale.

data di rilascio di Shadowlands

Anche se Sbarramentoè stato apparentemente cancellato a causa di poveri lettori, la serie è stata ancora data una versione americana di Viz Media. Mentre le avventure di Astro potrebbero essere state interrotte, almeno i lettori inglesi hanno avuto la possibilità di provareSbarramentola storia di.

My Hero Academia

Senza dubbio, My Hero Academia è l'opera più famosa di Horikoshi. Iniziò come un manga a colpo singoloe dopo aver seguito il completamento di Sbarramento, Horikoshi ha deciso di trasformare il concetto in una serie a tutti gli effetti.My Hero Academia segue Izuku Midoriya, noto anche come Deku, un ragazzo nato senza superpoteri in un mondo in cui l'80% della popolazione li possiede. Deku ottiene il rispetto del miglior eroe giapponese, All Might, che è anche il suo idolo. All Might trasmette il suo potere a Deku in modo che possa iniziare ad allenarsi in una prestigiosa accademia di eroi.

Prima serializzato in Shonen Jump settimanale nel 2014, il manga originale ha attualmente 25 volumi e più serie di spin-off, tra cui My Hero Academia Smash !!, My Hero Academia: Vigilantes, My Hero Academia: Team Up Mission, e My Hero Academia: Two Heroes. La serie è stata anche adattata in un anime con quattro stagioni e due lungometraggi -My Hero Academia: Two Heroes e il suoContinuazione,My Hero Academia: Heroes Rising.

La popolarità di My Hero Academia è stato eccezionale. A dicembre del 2019, il manga è stato venduto oltre 26 milioni di copieguadagnando più punti sul New York Times gennaio 2020 Elenco dei migliori venditori di libri grafici e manga. Ha anche vinto il premio Best Manga al Harvey Awards 2019.

Horikoshi ha basato All Might su Goku

Nel mondo di My Hero Academia, All Might è considerato l'invincibile eroe dell'universo simile a un superman. È conosciuto come il 'Simbolo della Pace' ed è acclamato come il più grande supereroe del Giappone. All Might è apparentemente indistruttibile e amato da tutti, e dopo averlo visto eccellere in battaglia, è abbastanza facile capire perché abbia così tanti fan adoranti.

Quindi, esattamente come ha fatto Horikoshi a inventare All Might? Durante il Comic-Con 2018 di San Diego, Horikoshi faceva parte di un Shonen Jump pannello in cui i fan potrebbero porre domande My Hero Academia. Una persona nella folla ha chiesto del personaggio All Might e se era basato su qualcuno della vita di Horikoshi. In risposta, Horikoshi disse: 'No, nessuno nella vita reale. L'ho basato su Goku in sfera del drago.' Considerando che Goku è la migliore difesa della Terra contro tutti coloro che desiderano distruggere il pianeta, assorbire i suoi abitanti o semplicemente causare caos, ha senso che All Might sia basato su uno dei contendenti per il titolo di personaggio anime più forte di tutti i tempi.

La popolarità di Bakugo è stata una sorpresa

Katsuki Bakugo, chiamato anche Kacchan, è l'antieroe nel mio My Hero Academia. A differenza di Deku, Bakugo inizia come un prepotente prepotente che non ha timore di esprimersi, anche se ciò significa alienare quelli che lo circondano. Nonostante la sua vasta gamma di caratteristiche apparentemente sfavorevoli, Bakugo lo è in realtàabbastanza popolare tra i fan.

In un'intervista con Rete di notizie anime, A Horikoshi è stato chiesto che la popolarità di uno dei suoi personaggi lo abbia sorpreso. 'Bakugo è stato un po 'una sorpresa', ha ammesso. 'Supponevo che tutti lo avrebbero odiato, ma è stato il contrario. Nei questionari sui personaggi che facciamo, Bakugo è il numero 1 più popolare. Bakugo è sempre stato il bullo e finisce per andare a scuola con Deku. Così li ho affrontati in una grande battaglia abbastanza presto, ma attraverso quella lotta sei stato in grado di vedere l'umanità di Bakugo, che era solo un ragazzo irascibile. '

Per molti, i difetti di Bakugo possono essere giustificati a causa della sua relatività e crescita. Durante tutta la serie, sperimenta la sconfitta e persino matura come persona. Tuttavia, per Horikoshi, Bakugo non è qualcuno con cui vorrebbe avere alcun contatto nella vita reale. In un'intervista a Jump Party 2016, quando gli è stato chiesto se sarebbe uscito con Bakugo, Horikoshi ha affermato: 'Assolutamente no! Non vorrei essere vicino a lui. '

In arrivo con Hero Quirks

In My Hero Academia, un Quirk, è un'abilità unica che agisce come una sorta di superpotenza per un individuo specifico. Circa l'80% della popolazione ha un Quirk, quindi Horikoshi ha il suo lavoro tagliato per lui che presenta stranezze di personaggi uniche ed eccitanti senza sentirsi forzati o non ispirati. Quindi, come fa a escogitare tutte le stranezze?

In un'intervista con Comicbook.com, Horikoshi ha spiegato che inizialmente le stranezze erano talvolta progettate per necessità. Ad esempio, la storia avrebbe bisogno di progredire o i personaggi avrebbero dovuto combattere l'uno con l'altro, quindi un certo Quirk sarebbe stato impiegato per aiutare a guidare la narrazione. Ma mentre la serie andava avanti, la concettualizzazione di Quirks trasse ispirazione da oggetti di uso quotidiano. Horikoshi elabora: 'Ad esempio, con la Gran Torino, mi sono inventato il suo Quirk mentre facevo la doccia. Ho guardato il soffione e ho pensato: 'Oh, sarebbe bello ... che qualcosa uscisse dai suoi piedi'. Come se ne uscisse un propellente. È così che è stato ispirato il suo Quirk. '

Horikoshi è un grande fan dei supereroi americani

Per chi ha familiarità con la biblioteca del lavoro di Horikoshi, probabilmente non sorprende molto che sia un grande fan dei supereroi americani. L'affinità di Horikoshi con la Marvel e la cultura popolare americana in generale è particolarmente evidente, considerando i numerosi cenni ai fumetti americani incluso inMy Hero Academia. In un'intervista con Comicbook.com, quando gli è stato chiesto se Horikoshi avesse tratto ispirazione specifica dai fumetti occidentali, ha risposto: 'Sì, ho letteralmente una versione tradotta in giapponese di un titolo di supereroe americano nella mia mano sinistra e sto disegnando con la mia destra'.

Sebbene Horikoshi ami una vasta gamma di supereroi americani, ha una particolare predilezione per Marvel's Spider-Man. In un'intervista con Rete di notizie anime durante il Comic-Con di San Diego del 2018, Horikoshi ha dichiarato di essere alla ricerca di una figura di Iron Spider-Man in mostra allo stand della convention di Sideshow. Inoltre, durante il pannello di Shonen Jump, Horikoshi ha affermato di aver precedentemente acquistato un busto a grandezza naturale di Carneficina dagli oggetti da collezione Sideshow. Inoltre, in un'intervista a Comicbook.com, uno dei redattori originali del manga ha detto: 'Ho sentito che a Horikoshi piace davvero Spider-Man di Sam Raimi'.

L'amore di Horikoshi per l'eroe della web-sling di Marvel si riflette persino nel protagonista di My Hero Academia. Sia Deku che Peter Parker sono adolescenti che hanno a che fare con la padronanza di poteri ritrovati mentre provano anche a fare appelli di giudizio su come usare quei poteri per il bene.

maghi nel signore degli anelli

One Piece è stata di grande ispirazione

Joel Saget / Getty Images

Sebbene Horikoshi abbia tratto ispirazione da vari manga nel corso degli anni,Un pezzo ha avuto un impatto particolarmente massiccio sul creatore e sul suo salto nel mondo della creazione di manga. Nell'agosto 2018, Horikoshi e Eiichiro Oda, l'artista manga dietro Un pezzo, condotto un'intervista insieme discutere delle opere di entrambi i creatori. La discussione inizia con una descrizione della prima interazione che i due hanno avuto l'uno con l'altro.

Quando Horikoshi era al liceo, la sua fan art è stata pubblicata in Un pezzo L'angolo dell'illustrazione del volume 23 nel segmento Pirati della Galleria Usopp. Horikoshi ha ricordato: 'Ricordo di essere stato uno studente delle superiori quando ho girato la pagina e ho visto che la mia arte era stata pubblicata in un piccolo angolo. Ho iniziato a tremare, ho chiamato 'Mamma !!' e andò a farle vedere.

L'intervista termina con una competizione amichevole, ma alla fine con Horikoshi ringrazia il suo idolo e dice: 'Farò del mio meglio per superare Un pezzo!!' Questa non è un'impresa da poco, come Un pezzo è il manga più venduto di tutti i tempi, con oltre 460 milioni di copie vendute a partire da dicembre 2019. Ma se qualcuno è all'altezza del compito, potrebbe essere Kohei Horikoshi.