La verità non raccontata del nuovo martello Stormbreaker di Thor

Di Chris Sims/30 aprile 2018 11:01 EDT/Aggiornato: 7 maggio 2018 14:44 EDT

Il potente Thor è praticamente sinonimo del suo martellante martello da guerra, Mjolnir. Dopotutto, è l'arma che conferisce il potere del dio norvegese del tuono a coloro che sono abbastanza degni di sollevarlo, inclusa la capacità di controllare fulmini e tempeste, o semplicemente colpire i giganti del gelo a testa in giù. Sfortunatamente per l'Odinson of the Marvel Cinematic Universe, però, Mjolnir non ce l'ha fatta Thor: Ragnarok intatto, invece di essere frantumato in una battaglia contro Hela.

Ci sono buone notizie, comunque. Se l'hai già visto Avengers: Infinity War (o appena fatto un viaggio lungo la navata giocattolo), allora sai già che Thor ha messo le sue mani divine su un nuovo martello: Stormbreaker. Ciò che potresti non sapere, tuttavia, è che non è l'unica altra arma che Thor ha usato nei secoli e Stormbreaker ha una storia a fumetti unica al mondo. Dalle radici mitologiche dell'arsenale di Thor all'origine cosmica dello stesso Stormbreaker, ecco la verità dietro il nuovo martello di Thor, ma attenzione che ci sono: guerra infinita spoiler di seguito!



L'Arsenale nordico

norvegese mitologia è pieno di armi magiche, da Gungnir, la lancia di Odino che è stata incantata per non mancare mai il suo bersaglio, alla maledetta spada Tyrfing, che ha preso una vita ogni volta che è stata pescata. Stando così le cose, probabilmente non sorprende che Stormbreaker non sia l'unico altro strumento utilizzato dal dio del tuono. Thor entrò in battaglia legato con più armi magiche di chiunque altro, incluso Tyr, il dio della guerra.

anime più triste

Mjolnir, il martello così potente che i suoi colpi hanno creato il suono del tuono ogni volta che ha colpito un nemico, è quello grande. Se hai familiarità con esso solo dal i fumetti e nei film, tuttavia, potrebbe sorprenderti che tutto ciò che riguarda la dignità non sia mai stato effettivamente parte dei miti originali. Invece, Thor era l'unico che poteva sollevare il martello semplicemente perché era davvero, veramente pesante. Così pesante, infatti, da richiedere altri due equipaggiamenti: il Megingjörð, una 'cintura di potere' che raddoppiò la già notevole forza di Thor, e il Járngreipr, o 'pinze di ferro', un set di guanti che gli permise di controllare Mjolnir nonostante il suo peso elevato e la sua maniglia sbilanciata. Oh, e nel caso ciò non bastasse, Thor aveva anche una lancia magica di nome Gríðarvölr che usava uccidere un gigante di nome Geirrodr quando Geirrodr era convinto di ucciderlo. Non ti sorprenderà sapere che Loki era quello dietro quella particolare trama.

Vale la pena notare che sebbene non abbia ottenuto alcun tempo sullo schermo, il Megingjörð esiste davvero nell'universo cinematografico Marvel, e si è presentato nel posto più improbabile. Quando Happy Hogan sta sgombrando la Torre dei Vendicatori, lui lo menziona come uno degli oggetti imballati per il trasporto sull'aereo che il Vulture intende rapinare.



Il vero portatore di Stormbreaker: Beta Ray Bill

A differenza di Mjolnir, Stormbreaker non ha le sue origini nella mitologia classica. Invece, è puro Marvel Comics, creato dal leggendario Walt Simonson nel 1984. Nei fumetti, non è nemmeno il martello di Thor. Appartiene a un altro personaggio, Beta Ray Bill.

Quando Simonson arrivò sul libro nel 1983, la prima cosa che fece - oltre a rompere letteralmente il vecchio logo del libro in modo che potesse essere sostituito con uno migliore - fu raccontare una storia su cosa sarebbe successo se qualcun altro fosse abbastanza degno di sottrarre Thor martello. Quel qualcuno era Beta Ray Bill, un alieno super potente che è stato scelto per difendere il suo popolo mentre viaggiavano nello spazio come rifugiati dopo la distruzione del loro pianeta natale. Ha combattuto Thor in una situazione di stallo a causa di un malinteso, ma il suo nobile cuore gli ha permesso di sollevare il martello e prendere il potere da solo, lasciando brevemente Thor intrappolato nella forma umana di Don Blake.

Una volta che Odin ha scoperto che qualcun altro aveva preso il potere di suo figlio, la sua risposta è stata ... beh, probabilmente non è il miglior esempio di genitorialità che probabilmente troverai nei fumetti. Invece di restituire Mjolnir a Thor, chiese a Thor e Bill di combattersi a vicenda fino alla morte nel regno infuocato di Skartheim - e anche Bill lo vinse.



Odinpower e forgiatura

Mentre Beta Ray Bill ha vinto il combattimento per determinare chi avrebbe esercitato il potere di Thor, ha anche deciso che combattere fino alla morte non era qualcosa in cui era particolarmente interessato. Invece di lasciare Thor a morire a Skartheim, dove il paesaggio vulcanico ha messo in svantaggio il Dio del Tuono, Bill lo ha salvato e lo ha riportato ad Asgard. E quello, ovviamente, era sempre stato il piano di Odino - dando a Bill il vantaggio, non stava mettendo alla prova la sua forza fisica, ma la nobiltà che lo avrebbe reso degno del grande potere che gli era stato offerto.

Invece di dare Mjolnir a Bill, Odino restituì il martello a Thor, e quindi chiese a Eitri e ai nani del regno sotterraneo di Nidavellir di fabbricare un secondo martello: Stormbreaker. Aveva una forma diversa, con una testa di martello arrotondata e una lama d'ascia, ma era forgiato dallo stesso metallo Uru e investito con l'Odinpower. Dava anche a Bill tutti i poteri di Thor, incluso l'incantesimo che lo avrebbe trasformato dal suo aspetto sovrumano ma simile a un cavallo nella forma molto più umanoide che aveva originariamente avuto prima che si offrisse volontario per difendere il suo popolo. Detto questo, Thor e Bill sono diventati 'fratelli giurati' e amici, con Bill che combatteva al fianco di Thor nella maggior parte delle sue apparizioni.

Anche se non è apparso di persona, sappiamo che Bill (o almeno qualcuno che assomiglia moltissimo a lui) è apparso nell'MCU. InRagnarok, Puoi brevemente individuare una scultura della testa di Bill nell'arena gladiatoria del Gran Maestro. È presumibilmente un ex campione, dal momento che è rappresentato al fianco di Hulk e, in una mossa davvero strana, un cattivo con due facce chiamato Bi-Bestia.

Sangue e anime per Stormbringer!

'Stormbreaker' è un nome piuttosto tosto, ma se ti stavi chiedendo dove fosse finita Simonson, c'è un'influenza abbastanza probabile: Stormbringer, la spada magica portata dal personaggio di Michael Moorcock Elric romanzi.

In quelli, Elric era il fragile, erede albino del decadente e generalmente orribile impero di Melniboné, e la sua spada non era affatto una spada. Invece, Stormbringer era un demone che aveva la forma di una lama, dando a Elric forza e immortalità in cambio del suo utilizzo per raccogliere 'sangue e anime per Arioch', la sua sinistra divinità protettrice. Non esattamente un martello per un nobile cavallo spaziale, ma comunque: un nome abbastanza grande.

Il lavoro di Moorcock è stato estremamente influente sui fumetti (insieme ai romanzi di fantascienza e fantasy), in particolare negli anni '70. In effetti, anni prima Simonson avrebbe assunto la direzione della scrittura e del disegno Thor, Elric e Stormbringer erano apparsi nei fumetti Marvel, collaborando con un'altra icona fantasy Conan il Barbaro # 14 e 15. Da allora in poi, è stato una presenza fuori dal comune nei fumetti, tra cui una storia di origine del 2007 chiamata Making of a Sorcerer, illustrato da Walt Simonson.

chi vuole essere un milionario cancellato

Colpo di tuono e la sua mazza, Colpo di tuono

Oltre a Stormbreaker, ci sono un paio di altre armi degne di nota nell'Universo Marvel. Il più importante è probabilmente la mazza di tuono, tuono di tuono, e sì: il tizio e l'arma hanno entrambi lo stesso nome. Si scopre che Eric Masterson non è un supereroe eccezionalmente creativo.

Ma non hai davvero bisogno di essere così creativo quando sei Thor, dal momento che 'colpire il cattivo con il martello' è un processo piuttosto semplice. Masterson era un architetto che ha lavorato a fianco di Thor nella sua identità segreta di Sigurd Jarlson (Clark Kent) (si è appena messo i capelli in una coda e si è messo gli occhiali) solo per essere legato al Dio del Tuono. Ha detenuto l'identità di Thor per due anni, anche durante l'originale Guanto dell'Infinito trama - e quando alla fine fu separato dalla persona divina di Thor, decise di rimanere un supereroe.

A tal fine, Thor diede a Eric una mazza incantata chiamata Thunderstrike, e Masterson prese il nome della mazza per la sua identità supereroica. Thunderstrike (la mazza) funzionava più o meno esattamente come Mjolnir, ma con una grande differenza: la sua iscrizione recita 'The World Still Needs Heroes'. Rilascia quello sui tuoi avversari la prossima volta che entri in alcune curiosità della Marvel Comics.

L'equipaggio, la tempesta e la rana

Oltre a Mjolnir, Stormbreaker e Thunderstrike, ci sono alcune altre armi degne di nota degli Asgardiani che fluttuano intorno all'universo Marvel - o almeno armi che sono state incantate con la magia asgardiana, come il deposito di equipaggiamenti magici della Wrecking Crew. Grazie a Loki, che è sempre alla ricerca di nuovi modi per pasticciare con suo fratello, questa banda di criminali ha messo le mani su cose come un piede di porco asgardiano incantato. Speriamo che l'MCU continui abbastanza a lungo che alla fine riusciremo a far oscillare Chris Hemsworth tra quelli in circolazione.

Loki è anche responsabile di Stormcaster, un martello che una volta ha dato a Storm of the X-Men in un altro tentativo di causare problemi a Thor. Considerando che Storm può già richiamare un fulmine per cancellare qualsiasi cosa lei scelga e che sia già stata venerata come una dea sulla Terra, questo sembra un po 'eccessivo. Invece di dorare il giglio, restituì Stormcaster a Thor.

Il martello più strano dell'universo Marvel, tuttavia, deve essere quello colloquialmente noto come Frogjolnir. Vedi, Loki - di nuovo questo ragazzo! - una volta trasformò Thor in una rana, e uscì con alcuni Segreto di Nimhrane secche a Central Park che stavano combattendo una guerra con i topi. Quando recuperò il suo martello, Thor lo colpì a terra e lo trasformò in ... una rana da 6'6 'con un elmetto e un martello magico. I fumetti sono fantastici. Diversi anni dopo, una delle rane, che aveva anche una volta stato umano, Puddlegulp, si rivelò che aveva sollevato un frammento di uru che si staccò da Mjolnir in quella storia, trasformandosi in una rana Thor di dimensioni di un rospo chiamata, abbastanza appropriatamente, Throg.

richard dawson faida familiare

Jarnbjorn, l'orso di ferro

Thor non era sempre abbastanza degno di sollevare Mjolnir, e durante i suoi anni (forse persino secoli) come combattente arrogante e arrogante, aveva un'altra arma preferita quando era il momento di distruggere alcuni giganti del gelo: un'ascia chiamata Jarnbjorn.

Se ricordi il Járngreipr avvincente, potrebbe non sorprenderti apprendere che il nome di questa particolare ascia si traduce dal norvegese al terribile 'Orso di ferro'. Fedele al suo nome intimidatorio, è un'arma dura quasi quanto Mjolnir, affilata come un rasoio, indistruttibile, benedetta con lo stesso sangue divino di Thor per tagliare anche nemici dal potere cosmico.

Ed è anche una buona cosa. Quando Thor dubitò della propria dignità e di conseguenza non riuscì a sollevare Mjolnir, il martello trovò un nuovo possessore sotto forma di un nuovo Thor femminile. Per continuare la sua battaglia contro il male, l'Odinson prese di nuovo Jarnbjorn. A un uomo senza un martello, ogni problema sembra che tu possa risolverlo con un'ascia.

Mjolnir finale

In termini visivi, la versione MCU di Stormbreaker non assomiglia del tutto al martello di Beta Ray Bill, sebbene abbia la stessa forma di base a martello / ascia a due teste. Invece, ha una sorprendente somiglianza (capito?) Con la versione di Mjolnir portata dal Thor of the Ultimate Universe.

Se non hai familiarità con esso, Ultimate Marvel è stata un'impronta editoriale che è iniziata con un Spider-Man aggiornato nel 2000, con gli X-Men e gli Ultimates - la versione dei Vendicatori dell'universo - che seguivano rapidamente. Lo stile della narrazione era intenzionalmente pensato per essere più cinematografico, ma i personaggi non impiegarono molto a divergere in modo abbastanza selvaggio dalle loro controparti dell'universo principale. Thor, per esempio, fu inizialmente ritratto come qualcuno che potrebbe essere un dio mitico portato sulla Terra per combattere il male, e forse come un paziente mentale delirante ma estremamente bello. Ad ogni modo, il suo completo e il suo martello erano tecnologici, non magici ... all'inizio. Alla fine, la sua divinità fu confermata e fu rivelato che il tecno-Mjolnir che aveva portato era progettato per assomigliare ai suoi ricordi del suo vero martello divino.

spettacoli di supereroi di breve durata

L'universo finale fu infine distrutto, ma alcuni dei suoi elementi finirono per raggiungere la normale Marvel U, inclusa questa versione interdimensionale di Mjolnir. Mentre Thor ha brevemente preso in considerazione l'idea di prenderlo piuttosto che Jarnbjorn, alla fine è stato sollevato dall'improbabile Volstagg il Voluminoso, che è stato trasformato in 'War Thor'.

Il filmato Stormbreaker

Una trama importante in Avengers: Infinity War è costruito attorno alla ricerca di Thor per un nuovo martello che può usare per vendicarsi di Thanos. Proprio come nei fumetti, si rivolge a Eitri (Peter Dinklage), sebbene in un grande cambiamento, Nidavellir è una fucina nello spazio in orbita attorno a una stella morente. Questo in realtà è qualcosa sollevato dai fumetti, però. Lo stesso problema che introduce Beta Ray Bill include anche un cattivo che usa l'energia di una stella morente per forgiare un'arma, non è proprio Stormbringer. Invece, è Surtur the Fire Giant che forgia la gigantesca spada chiamata Twilight, che usa per dare il via alla battaglia di Ragnarok.

Nel film, Stormbreaker è sostanzialmente una versione aggiornata di Mjolnir. Può incanalare il fulmine di Thor, ritorna in mano dopo che è stato lanciato, e se la battaglia contro l'Ordine Nero e il Chitauri a Wakanda è qualcosa su cui giudicare, ha anche un pugno piuttosto serio. Dà anche a Thor la possibilità di controllare il Bifrost, il ponte arcobaleno che collega Asgard (e gli altri regni, compreso lo spazio profondo) alla Terra. Prima degli eventi di guerra infinita, questo era controllato dalla spada di Heimdall.

C'è un'altra cosa davvero interessante dello Stormbreaker dell'MCU, però. Al fine di rappresentare l'idea di tutte le parti disparate dell'MCU che si uniscono guerra infinita, il martello è letteralmente costruito da pezzi dei Vendicatori e dei Guardiani della Galassia. Mentre le teste erano forgiate dall'uru di Nidavellir, erano unite da una maniglia ricavata dal braccio di Groot, che costituiva un elemento fantastico per il film che riuniva tutto.